TwitterFacebookGoogle+

Di Battista ha risposto alla richiesta di auto di Emiliano per fermare la Tap

Alessandro Di Battista ha risposto all’appello del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano di aiutarlo a spostare i lavori per la Tap, il gasdotto che deve portare il gas azero in Italia.  E lo fa non solo respingendo al mittente la richiesta perché viene da un esponente del Pd, ma dandogli del ‘paraculo’

“Con il massimo rispetto, caro Emiliano, io la faccia ce l’ho messa per 5 anni, forse tu l’hai un po’ persa la faccia. Te lo dico in maniera bonaria, ma fai un po’ il paraculo…” dice Di Battista in un video su Facebook. “Ci sono dei ministri che si occupano di questo – prosegue Di Battista – perché dunque tirare in ballo me. Sul Tap sapete quello che penso, mi fido dei ministri. Vedrete che queste opere ‘stupide’ verranno affrontate nel modo giusto”.

Cosa aveva chiesto Emiliano a Di Battista

“Ho bisogno dell’aiuto di Alessandro Di Battista. Vorrei incontrarlo. Parlargli. Trovare una strategia comune. Abbiamo idee diverse, è vero, ma tra lasciare il mondo come sta e trovare un posto dove il gasdotto fa meno danni, secondo me è meglio unire gli sforzi per spostarlo più a nord” aveva scritto su Facebook Emiliano. Nel suo post, Emiliano sottolinea che “se non interveniamo subito, i lavori andranno avanti e non ci sarà modo di cambiare l’approdo”.

“È vero – aggiunge il governatore – la Puglia non ha mai detto di voler bloccare il Tap, ma solo di spostarlo un po’ più a nord per evitare rischi per i bagnanti su una delle nostre più belle spiagge”. “Quello che non posso accettare è che i pugliesi che hanno votato M5S – tra i quali tanti miei amici ed elettori- siano stati presi in giro. Tutti sapevano o dovevano sapere anche all’epoca di questo comizio che il Tap non si poteva bloccare a causa di un accordo internazionale di molti anni fa. Adesso Di Battista deve metterci la faccia accanto a noi pugliesi e provare a spostare l’approdo in una zona meno dannosa. Dimostrerà così di essere la brava persona che molti di noi pensano che sia”.

Emiliano nel post condivide anche un video del 2 aprile 2017 in cui Di Battista, a San Foca (Lecce), la cittadina dove dovrebbe passare il gasdotto, sosteneva che con il governo del M5s la realizzazione del gasdotto Tap sarebbe stata bloccata in due settimane. Una promessa analoga è stata fatta dalla ministra per il Sud del governo Conte Barbara Lezzi, qualche settimana fa contestata all’Università di Lecce per non aver fatto quello che aveva promesso in campagna elettorale, fermare appunto il gasdotto. 

Non si è fatto scappare l’occasione per attaccare Emiliano Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo economico, che su Twitter scrive: “Emiliano ha bisogno di Di Battista. Il PD ha bisogno di Emiliano. Per la proprietà transitiva il PD ha bisogno di Di Battista. Oppure non ha più bisogno di Emiliano”. 

Emiliano ha bisogno di Di Battista. Il PD ha bisogno di Emiliano. Per la proprietà transitiva il PD ha bisogno di Di Battista. Oppure non ha più bisogno di Emiliano pic.twitter.com/3LjEw89K5f

— Carlo Calenda (@CarloCalenda) 22 luglio 2018

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.