TwitterFacebookGoogle+

di maio contratto di programma 

No alle larghe intese, mai trattative sui ministri, sì a un “contratto vincolante” sui contenuti della diciottesima legislatura. Luigi Di Maio torna sulla tema del dopo voto, dicendosi fiducioso di ottenere con il M5s “la maggioranza assoluta dei consensi” che lo metterebbe in condizione di governare. E il leader M5s fa il primo nome dei ministri: il generale di brigata dei carabinieri, Sergio Costa, all’Ambiente. 

“Aspettiamo il 4 marzo per capire la configurazione del Parlamento, ma molti elettori del centro sinistra mi dicono che credono che l’unica battaglia ormai sia tra noi e il centro destra, perché il Pd è al 20%, il centro destra al 30% e noi abbiamo picchi che arrivano al 35%”. Niente alleanze con la sinistra, dunque, una ipotesi che il capo politico M5s smentisce con decisione. “Non siamo disposti ad alleanze o larghe intese. Se ci dovessimo trovare la sera delle elezioni con la maggioranza assoluta, saremmo nelle condizioni di governare da soli. ma se non dovesse esserci questo numero, la squadra di ministri la presentiamo prima, quindi nessuna trattativa sui nomi”.

In quel caso, Di Maio direbbe ai suoi interlocutori: “Di voi non ci fidiamo, ma se vogliamo mettere insieme i temi su cui costruire i programmi di lavoro, noi ci stiamo. Firmiamo un contratto vincolante, su quello votiamo e iniziamo la diciottesima legislatura”. Il quadro che va delineandosi, in ogni caso, lascia bene sperare Di Maio, tanto da averlo portato a salire al Quirinale, “per un gesto di rispetto istituzionale e non per fare campagna elettorale”, a presentare la lista dei ministri M5s al capo dello Stato. “Ho chiesto l’incontro al segretario generale al quale ho detto di conoscere le prerogative del Capo dello Stato. Siccome vogliamo rendere pubblica la lista prima del voto, riteniamo doveroso sottoporla al Presidente Mattarella”. 

Il contratto di programma vincolante

In quel caso, Di Maio direbbe ai suoi interlocutori: “Di voi non ci fidiamo, ma se vogliamo mettere insieme i temi su cui costruire i programmi di lavoro, noi ci stiamo. Firmiamo un contratto vincolante, su quello votiamo e iniziamo la diciottesima legislatura”. Il quadro che va delineandosi, in ogni caso, lascia bene sperare Di Maio, tanto da averlo portato a salire al Quirinale, “per un gesto di rispetto istituzionale e non per fare campagna elettorale”, a presentare la lista dei ministri M5s al capo dello Stato. “Ho chiesto l’incontro al segretario generale al quale ho detto di conoscere le prerogative del Capo dello Stato. Siccome vogliamo rendere pubblica la lista prima del voto, riteniamo doveroso sottoporla al Presidente Mattarella“. 

Il primo nome che Di Maio presenta è il generale di brigata dei carabinieri, Sergio Costa,  una vita a combattere il traffico illecito di rifiuti. Di Maio, da campano, ricorda “le persone che muoiono ogni giorno una causa della Terra dei Fuochi. Ma ogni regione ha la sua Terra dei fuochi e oggi le imprese fanno affari con lo smaltimento dei rifiuti”. E quello di Costa è il profilo di una persona “che da sempre è il battuto nel contrasto alle ecomafie e ai casalesi”. L’iscrizione del nome di Costa, oltre tutto, fornisce una Di Maio la possibilità di cavalcare la vicenda rifiuti in Campania in chiave anti-Renzi .

Il caso De L uca

Partito Democratico, con l’assessore Roberto De Luca che “riceve i camorristi nel suo studio”, e l’affaire rimborsi nel M5s è evidente : “Da noi chi sgarra viene messo alla porta, nel Partito Democratico viene fatto ministro”, dice Di Maio”. Renzi ha detto di De Luca che è stato coraggioso a dimettersi”. “Dopo aver dato appuntamento a un camorrista!”. Concetti già espressi e ai quali De Luca e il Pd hanno risposto annunciando querela. segretario Pd Renzi ha sfidato Di Maio a rinunciare all’immunità ea un confronto in tribunale. “Ma io non ho mai fatto uso dell’immunità , che poi si tratterebbe dell’insindacabilitàdelle opinioni espresse”, fa notare l’esponente M5s . 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.