TwitterFacebookGoogle+

Di Maio esclude l'abolizione degli 80 euro e l'aumento Iva

“Tutto il governo è compatto nella volontà di non aumentare l’Iva e di non mettere le mani nelle tasche degli italiani anche per quanto riguarda la misura” del bonus degli 80 euro: lo ha assicurato il vicepremier Luigi Di Maio a margine di un incontro sulla banda larga a palazzo Chigi, commentando le indiscrezioni di stampa che sostengono l’azzeramento del bonus Renzi per finanziare il primo modulo della flat tax per le persone fisiche, che debutterà con la Legge di Bilancio del 2019, insieme all’estensione della tassa forfettaria del 15% per le imprese. 

“Questo governo non vuole fare il gioco delle tre carte non tireremo la coperta da una parte per scoprire dall’altra e non vogliamo metteremo le mani nelle tasche dei cittadini come si è fatto prima. Questa deve essere una manovra coraggiosa e rigorosa ma soprattutto coraggiosa”, ha aggiunto. Il leader M5s si è detto anche fiducioso sulla possibilità di sforare i parametri Ue: “Ci siamo messi con il bilancio dello Stato in mano a tagliare quello che non serve e confido nel fatto che nei prossimi mesi otterremo dei grandi risultati per quanto riguarda la possibilità di andare oltre quei parametri che non significa mettersi contro l’Europa ma significa dire che a noi serve fare degli investimenti per poter far ripartire il nostro Paese”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.