TwitterFacebookGoogle+

Disoccupazione, Bagnasco a Renzi: “Ti servirebbe un miracolo…”

La Cei preoccupata dai recenti dati sulla disoccupazione. Bagnasco: “La ricchezza si concentra in mano pochi”

“Qui serve un miracolo. A pochi giorni dalla pubblicazione dei dati Istat, che danno il tasso di disoccupazione ancora in crescita, il presidente della Cei Angelo Bagnasco è tornato a lamentarsi con il governo per la situazione drammatica in cui si trova l’economia italiana.

Pur non nominando mai il premier Matteo Renzi, il cardinale chiede apertamente “investimenti in attività produttive a vantaggio dei lavoratori”.

Durante la messa per il lavoro al santuario di Nostra Signora della Guardia, Bagnasco parla della “sua” Genova. “Non è morta, ma è malata”. Una situazione che riflette “il quadro generale” di un Paese come l’Italia “dove il lavoro non decolla nonostante alcuni segni che sembrano positivi o dichiarazioni rassicuranti”. “La disoccupazione cresce – ammette il numero uno della Cei – servirebbe un miracolo”. I dati dell’Istat parlano, infatti, di un preoccupante 40% delle persone comprese nell’età dai 15 ai 24 anni ancora in cerca di lavoro, laddove la media europea è del 22%. “In termini percentuali siamo gli ultimi posti”, ha detto Bagnasco per cui cresce “la preoccupazione anche per gli adulti che una volta perso il lavoro hanno difficoltà a ritrovarlo, con gravi danni per la loro dignità e le loro famiglie. Diventa un peso insostenibile anche la ricerca di beni come la casa”.

La crisi del mercato del lavoro s riflette inevitabilmente sulle condizioni economiche dei singoli nuclei famigliari. “Mentre la platea dei poveri si allarga inglobando il ceto medio – rileva Bagnasco – la ricchezza cresce e si concentra sempre più in mano a pochi. Auspico che la concentrazione di risorse incrementi copiosamente gli investimenti in attività produttive a vantaggio dei lavoratori”. Il presidente della Cei ricorda, infine, che “la povertà tocca 4 milioni di persone, quasi il 7% degli italiani. Lo scorso anno la Chiesa ha distribuito più di 12 milioni di pasti agli italiani”.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.