TwitterFacebookGoogle+

Disprezzo

La sanità va a rotoli, ci sono province italiane che contano 2 posti letto ogni mille abitanti, pari alla media dei paesi africani, e nessuno si è mai accorto che la Menarini, un colosso farmaceutico di Firenze, ha frodato il sistema sanitario nazionale aumentando il prezzo dei suoi prodotti farmaceutici con false fatturazioni, per oltre trenta anni.

Si legge dalla stampa, che il tribunale ha condannato la Menarini anche a risarcire la Presidenza del Consiglio in re…lazione ad uno specifico addebito corruttivo.
Dunque la Presidenza del Consiglio era costituita parte civile nel processo contro i fratelli Aleotti, proprietari della Menarini.
Eppure il Presidente del Consiglio Renzi, circa un anno fa, in viaggio a Berlino, ha visitato gli stabilimenti Menarini, con grande compiacimento della Presidente Aleotti, oggi condannata a dieci anni.
La Aleotti proprio un anno fa dichiarava la propria soddisfazione alla stampa, tronfia della sensibilità mostrata dal Governo presieduto da Renzi nel comprendere le loro “necessità”.
Curioso che mentre Renzi dichiarava di comprendere le esigenze della Menarini, nel contempo la Presidenza del Consiglio era costituita parte civile nel processo per frode contro la medesima casa farmaceutica.
E’ improbabile che Renzi non fosse stato informato della vicenda, è verosimile che lo sapesse e che, nella sua incommensurabile arroganza politica, non si sia posto nemmeno il problema della prudenziale inopportunità di incontrare e abbracciare amichevolmente chi stava sotto processo per aver frodato il servizio sanitario nazionale.
Renzi è l’espressione di un Governo retto da un Parlamento di usurpatori e non si pone il problema di incontrare chi ha accumulato ricchezze togliendo fondi ad una sanità già in difficoltà.
Disprezzare Renzi è ciò che possiamo fare ora, ma impedirgli di continuare a rappresentarci è ciò che dobbiamo fare in futuro.

http://www.democrazia-atea.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.