TwitterFacebookGoogle+

Divorziati: Sinodo, vescovi europei chiedeono snellire nullita’

Divorziati: Sinodo, vescovi europei chiedeono snellire nullita'(AGI) – CdV, 7 ott. – “Snellire e accelerare i processi di annullamento laddove i presupposti richiesti sono evidenti”. A chiederlo all’inizio del Sinodo della famiglia sono i presidenti delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee) che al tema “La famiglia e il futuro dell’Europa” hanno dedicato l’Assemblea plenaria che si e’ svolta a Roma dal 2 al 4 ottobre. “Benche’ sono diverse le cause – scrivono i vescovi nel comunicato finale diffuso oggi -, molti matrimoni sembrano oggi non essere validi. Nella coscienza di tanti drammi che portano al fallimento di molti matrimoni, oltre all’appello alla perseveranza, e’ emersa la necessita’ di snellire e accelerare i processi di annullamento laddove i presupposti richiesti sono evidenti. Insomma solo una pastorale che sappia essere attenta alle persone e fedele alla Parola di Dio potra’ annunciare con gesti e parole la bellezza della famiglia, anche nei momenti di crisi, e potra’ diventare testimonianza dell’amore misericordioso di Dio”.

L’incontro dei vescovi europei a Roma – si legge nel comunicato – “voleva essere innanzitutto un momento di riflessione, alla vigilia del Sinodo della famiglia, sulle questioni e i fenomeni che toccano piu’ da vicino la famiglia e la pastorale della famiglia oggi in Europa e che obbligano a un’azione convinta”. Ne e’ emersa una prima convinta conclusione. “La famiglia – scrivono i vescovi – non e’ un problema, ma una soluzione per l’Europa”. E aggiungono: “E’ fonte di risorse inestimabili per le nostre societa’ europee di cui costituisce il capitale umano”. Da qui una richiesta molto puntuale in tempo di austerity ai governi europei affinche’ promuovano “leggi e politiche che sostengono la famiglia”. “La Chiesa in Europa – incalzano i vescovi – invita i Governi a prendere coscienza che non vi e’ altra realta’ che possa produrre’ capitale umano come la famiglia”.

I vescovi esprimono poi la loro gratitudine per la “testimonianza” di tante “famiglie cristiane che vivono la loro fedelta’ anche in mezzo ad una cultura spesso individualista”. Queste famiglie – sostengono i vescovi – necessitano di una “pastorale adeguata” che “parte dall’esperienza reale dell’uomo, cercando in essa le tracce della presenza di Dio”. E aggiungono: “La pastorale adeguata’ non e’ quindi l’esecuzione di un progetto elaborato a tavolino, ma si declina nell’accompagnamento da parte del sacerdote e della comunita’ cristiana, di coppie e famiglie che sono le vere protagoniste per comprendere il progetto di Dio”. Nel comunicato, rilanciato dalla Radio Vaticana, i vescovi parlano anche di “un paradosso molto europeo”. “Se molti giovani desiderano fondare una famiglia – spiegano -, molti prediligono la convivenza o altre forme che ritardano l’investimento in un legame duraturo e stabile”. A questi giovani, i vescovi dicono: “L’impegno fedele e’ sorgente di bene e di felicita’”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Vai all’articolo originale su AGI >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.