TwitterFacebookGoogle+

Divorzio, nuove nozze e penitenza nella Chiesa primitiva

Copertina“Ciò che Dio ha unito, l’ uomo non deve separare”.
Questo insegnamento di Gesù sul matrimonio è stato vissuto nella chiesa dei primi secoli, che non si stancava di predicare la monogamia.

Come interpretare tuttavia altre parole di Gesù (“Colui che ripudia il proprio coniuge e ne prende un altro, è adultero”. “La persona divorziata che si risposa, è adultera”. “Colui che sposa una persona divorziata, è adultero”)?.

La chiesa cattolica latina a partire dal medioevo ha creduto di dover rispondere a questo problema con il sistema dei tribunali ecclesiastici che verificano se la prima unione era davvero “ciò che Dio ha unito”. La chiesa dei primi secoli invece considerava l’ adulterio, nel senso in cui il termine è usato nell’evangelo, come uno dei tre peccati più gravi, ma rivendicava il potere di assolvere tutti i peccati, compreso questo.

È ciò che emerge dalle testimonianze relative alla controversia novaziana, e soprattutto dal canone 8 del concilio di Nicea. Ragioni pastorali e ragioni ecumeniche sembrano rendere opportuno che la chiesa cattolica ritorni oggi alla prassi penitenziale della chiesa dei primi secoli, conservata in oriente e riscoperta da diverse chiese d’ occidente.

http://www.amazon.it/Divorzio-nuove-penitenza-Chiesa-primitiva/dp/8854861561/ref=sr_1_11?s=books&ie=UTF8&qid=1391020293&sr=1-11&keywords=Giovanni+Cereti

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.