TwitterFacebookGoogle+

Dogo argentino tra razze piu' pericolose

Roma – Il Dogo argentino, la razza di cui due esemplari hanno sbranato e ucciso un bambino oggi a Mascalucia (Catania) e’ tra le razze canine piu’ pericolose secondo il ministero della Salute. Viene considerato tale fin dal 12 dicembre del 2006, quando l’allore ministro della Salute, Livia Turco, emano’ l’ordinanza “Tutela dell’incolumita’ pubblica dall’aggressione di cani”. Questo provvedimento, al suo scadere, fu sosituito da un’altra ordinanza, firmata il 23 marzo 2009 dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini, che non aveva pero’ incluso la lista dei cani pericolosi ritenendo che “non e’ possibile stabilire il rischio di una maggiore aggressivita’ di un cane sulla base dell’appartenenza a una razza o ai suoi incroci”.

L’ordinanza Martini imponeva comunque ai proprietari di tutti i cani una serie di cautele, dall’uso del guinzaglio e della museruola, alla corretta gestione dell’animale. Dal 6 agosto 2013 e’ in vigore una nuova ordinanza “contingibile ed urgente concernente la tutela dell’incolumita’ pubblica dall’aggressione dei cani”, che riprende i due testi precedenti. La lista ufficiale della razze considerate pericole in Italia comprende: American Bulldog; Cane da pastore di Charplanina; Cane da pastore dell’Anatolia; Cane da pastore dell’Asia centrale; Cane da pastore del Caucaso; Cane da Serra da Estrela; Dogo Argentino; Fila brazileiro; Perro da canapo majorero; Perro da presa canario; Perro da presa Mallorquin; -Pit bull; Pit bull mastiff; Pit bull terrier; Rafeiro do Alentejo; Rottweiler; Tosa inu. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.