TwitterFacebookGoogle+

Dopo l'arresto 'significativo' a Dover, Londra teme però altri attacchi. Un punto

Un diciottenne è stato arrestato nella zona di Dover sud dell’Inghilterra in elazione all’attentato alla metropolitana di Londra. Secondo quanto riferisce la Bbc, il giovane è stato catturato dagli agenti del Kent nella zona del porto della cittadina sulla Manica. Il fermato attualmente si trova nel commissariato locale in attesa di essere trasferito nella Capitale. La notizia confermata dal vice commissario Neil Basu che ha parlato di “arresto significativo”.

Allerta massima in Inghilterrra

In Inghilterra resta massima l’alerta dopo l’attentato di ieri nella metro di Londra: si temono altri attentati. Il governo inglese schiera militari e polizia armata su luoghi sensibili ma non aperti al pubblico e sui mezzi di trasporto della capitale dopo aver alzato l’allerta terrorismo a livello “critico” (che significa attacco imminente). Lo ha detto la premier Theresa May in una dichiarazione registrata diffusa dopo il nuovo allerta. “Il pubblico vedrà più polizia armata per strada e sulla rete del trasporto, per fornire una protezione aggiuntiva”, scrive Repubblica. La May ha spiegato che “questo è un passo proporzionato e assennato che garantirà sicurezza extra e protezione mentre procedono le indagini. L’Isis ha rivendicato la responsabilità dell’esplosione, il quinto attacco terroristico in sei mesi”. 

Theresa May says UK terror threat level raised to critical, highest possible level, after London Tube blast https://t.co/HCBPJZo8XY pic.twitter.com/liMAODY2IV

— BBC Breaking News (@BBCBreaking) 15 settembre 2017

​Il tweet polemico di Donald Trump 

In questo clima di tensione, c’è anche il tempo per una polemica politica che fa seguito a uno dei soliti tweet temerari di Donald Trump. Il presidente Usa, infatti, accusa Scotland Yard dicendo che l’attentato è opera di un terrorista ‘sfigato’ che era nel mirino dell’intelligence inglese.

Another attack in London by a loser terrorist.These are sick and demented people who were in the sights of Scotland Yard. Must be proactive!

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 15 settembre 2017

Dura la replica della premier Theresa May che, come si legge su Avvenire, critica il presidente americano Donald Trump diffidandolo dal fare “speculazioni” sul nuovo attentato a Londra, perché certo “non aiutano nessuno”.

Pizza gratis ai soccorritori

Il cuoco di una pizzeria italiana di Londra è accorso ieri sul luogo dell’attentato a Parsons Green e ha distribuito pizza gratis ai soccorritori. Come si vede nel video di Abc news, l’uomo spiega perché faccia questo: “E’ un modo per riconoscere quello che fanno”

Chef of an Italian restaurant gives free pizzas to emergency workers responding to London terror attack. https://t.co/xLf4MpqzJT pic.twitter.com/4WLYhRNAxH

— ABC News (@ABC) 16 settembre 2017

Cosa sappiamo finora
 

  • Venerdì mattina alle 8.20 esplosione in un vagone della metropolitana di Londra, presso la stazione Parsons Green, vicino a Fulham.
  • I feriti sono 29, nessuno grave
  • L’ordigno era stato piazzato nell’ultimo vagone del convoglio, vicino a una porta di uscita. Un testimone ha raccontato di aver visto un bidone di plastica da cui uscivano cavi elettrici 
  • A esplodere è stato quello che sembra un ordigno rudimentale nascosto in un bidoncino di plastica in una busta termica (Guardian)
  • Per gli inquirenti è un “atto di terrorismo” e si cercano delle persone sospette
  • Theresa May ha alzato l’allerta terrorismo a livello “critico” (che significa attacco imminente)
  • I passeggeri hanno riferito di aver sentito una violenta esplosione, poi una vampata di calore (Evening Standard)
  • Le indagini sono passate dalla polizia metropolitana all’unità antiterrorismo di Scotland Yard

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.