TwitterFacebookGoogle+

Dubbi autenticità del video sulla decapitazione di James Foley

decapitazione-Redazione– Il giornalista americano James Foley è morto, ucciso dai militanti jihadisti.

 Una morte che la stessa famglia del reporter  ha commentato con tristezza e orgoglio.

Ma che lo scioccante video della decapitazione del giornalista sia autentico, non lo pensano tutti, anzi.

 Il dibattito si sta allargando tra agenzie governative, esperti di intelligence e anche di produzione dei video. Senza contare le migliaia di scettici che esprimono i loro dubbi sul web.

 Il tutto nonostante il fatto che il governo britannico e la Casa Bianca abbiano detto di ritenerlo autentico. Si accoda anche l’Fbi, ma aggiungendo che «è tuttavia ancora in corso un più lungo processo per poter affermare ufficialmente l’autenticità del filmato».

Foley è dotato addirittura di un microfono e l’audio della sua dichiarazione è perfetto: i cambi di inquadratura sono accompagnati dai movimenti dell’uomo vestito di nero, una tecnica altamente professionale.

Foley, quando l’uomo in nero comincia a tagliargli la gola con un piccolo coltello (operazione che dovrebbe essere assai dolorosa), non accenna nemmeno a una reazione, né quella istintiva di divincolarsi, né per il dolore che dovrebbe provare.

E non si vede una goccia di sangue.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.