TwitterFacebookGoogle+

Due ergastoli per l'omicidio di Sarah Scazzi. Il caso è chiuso

Confermato l’ergastolo per omicidio per Sabrina Misseri e Cosima Serrano, e la condanna a 8 anni di reclusione per Michele Misseri. Con questa decisione la Cassazione ha messo definitivamente la parola fine a una delle pagine di cronaca nera più cruente e discusse degli ultimi anni: l’omicidio di Sarah Scazzi, quindicenne di Avetrana, in provincia di Taranto. Sarah fu strangolata il 26 agosto del 2010 e buttata in un pozzo. 

Dopo 7 anni si attende la sentenza definitiva 

Sabrina Misseri e Cosima Serrano, rispettivamente cugina e zia di Sarah, sono accusate di averla uccisa nel garage della loro casa e di averne nascosto il corpo con la complicità di Michele Misseri, padre di Sabrina e marito di Cosima. Misseri è stato condannato a 8 anni di reclusione per occultamento di cadavere e inquinamento delle prove.


I protagonisti:

  • Sarah Scazzi: la vittima
  • Sabrina Misseri: cugina di Sarah, condannata all’ergastolo
  • Cosima Serrano: mamma di Sabrina, condannata all’ergastolo
  • Michele Misseri: marito di Cosima e papà di Sabrina, condannato a otto anni

La decisione della Cassazione

In tutto sono sei i ricorsi su cui si è pronunciata la Cassazione contro la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello di Taranto il 27 luglio del 2015: oltre a quelli presentati dalle difese di Cosima Serrano, di Sabrina e Michele Misseri, la Corte ha al vaglio quelli di Carmine Misseri, fratello di Michele, condannato in secondo grado a 5 anni e 11 mesi per concorso in soppressione di cadavere; di Vito Russo junior, ex legale di Sabrina Misseri, e di Giuseppe Nigro. I giudici della Suprema Corte hanno stabilito uno sconto di pena di un anno per Carmine Misseri e confermato in via definitivale condanne per favoreggiamento personale nei confronti di Vito Russo junior e di Giuseppe Nigro, ai quali in appello erano stati inflitti un anno e 4 mesi di reclusione.

La scomparsa di Sarah e le prime indagini

Studentessa al secondo anno dell’istituto alberghiero, Sarah Scazzi esce di casa alle 14.30 del 26 agosto del 2010 per raggiungere casa della cugina Sabrina e poi andare al mare con  lei e un’altra amica, Mariangela Spagnoletti. Da quel momento la ragazza scompare nel nulla, insieme al suo cellulare. A denunciarne la sparizione dopo qualche ora è la mamma Concetta Serrano, che vive sola in casa con Sarah perché il marito e il figlio sono emigrati in nord Italia. All’inizio le indagini dei carabinieri si concentrano su una possibile fuga della ragazza o su un sequestro da parte di un uomo molto più grande di lei. 

La svolta con Michele Misseri

Dopo più di un mese di ricerche, il 29 settembre, Michele Misseri – zio di Sarah – trova il cellulare della nipote semi-carbonizzato in un campo poco distante dalla sua casa. Non solo: alle telecamere dei Tg e agli inquirenti dice di essere in grado di ritrovare la nipote, attirando su di sè i primi sospetti.

Il 6 ottobre Misseri viene sottoposto a un lunghissimo interrogatorio – nove ore – durante il quale confessa l’omicidio di Sarah e indica agli investigatori il luogo in cui è nascosto il cadavere. L’uomo racconta di aver tentato un approccio sessuale con la nipote e di averla aggredita alle spalle strangolandola dopo essere stato respinto. La notizia viene comunicata ai familiari in diretta dalla trasmissione “Chi l’ha visto?”.

Caso chiuso? No, perché nei giorni successivi Michele Misseri ritratta più volte la confessione sostenendo anche di aver abusato della ragazza. Il 15 ottobre l’uomo parla per la prima volta di un coinvolgimento della figlia, affermando che Sarah sarebbe morta durante un gioco tra le due trasformatosi in un litigio. Il giorno seguente gli inquirenti arrestano Sabrina dopo un interrogatorio di sei ore. L’accusa è di concorso in omicidio.

Il movente della gelosia

Per gli inquirenti il movente che ha guidato le mani di Sabrina è la gelosia nei confronti di Ivano Russo, un cuoco di Avetrana del quale Sabrina – secondo la tesi della Procura – sarebbe stata innamorata. Le due ragazze avevano conosciuto Ivano alcuni mesi prima ed era nata un’amicizia. Per Sabrina qualcosa in più e la ragazza, non ricambiata, confidava alla cugina le proprie pene d’amore.

Sarah, da parte sua, sembrava intenzionata ad attirare l’attenzione di Ivano, facendo ingelosire la cugina. La rottura definita era arrivata intorno al 16 agosto, dopo un rapporto incompleto tra Sabrina e Ivano in macchina. La ragazza aveva raccontato a Sarah la vicenda e la 15enne lo aveva confidato al fratello Claudio, che a sua volta ne aveva parlato con Ivano. Da qui la decisione del giovane cuoco  di deciso di troncare qualsiasi rapporto con Sabrina, che avrebbe iniziato a covare rancore nei confronti della cugina.

Michele, 7 versioni in 7 mesi

Intanto Michele Misseri continua a ritrattare e a cambiare versione. In tutto fornirà agli inquirenti almeno 7 versioni nei primi 7 mesi

  1. Michele sostiene di aver tentato di sedurre Sarah, che respinge le avances. Infuriato, l’uomo la aggredisce alle spalle e la strangola con una corda. Poi carica il corpo nel bagagliaio della propria auto e una volta giunto in aperta campagna stupra la nipote morta. Carica di nuovo il cadavere in macchina, riparte e lo nasconde nel pozzo.
     
  2. Sarah ‘provoca’ Michele toccandolo ai fianchi. E lui la strangolata non appena la nipote si gira di spalle.
     
  3. Sarah arriva a casa di Sabrina dove la cugina e suo padre la attendono per darle una lezione ed evitare che la ragazza diffonda voci in giro sulle avances dello zio. Mentre Sabrina tiene per le braccia la cugina, Michele avvolge una corda intorno al collo di Sarah e la strangola. Poi nasconde il cadavere gettandolo nel pozzo.
     
  4. Nel pieno di una lite Sabrina trascina Sarah nel garage. La discussione degenera e Sabrina strangola la cugina con una cintura trovata in garage. La ragazza sale a casa e informa il padre Michele, che sta dormendo. L’uomo carica il cadavere in auto, va in campagna, ne abusa sessualmente e lo getta nel pozzo.

    Intanto arrivano i risultati dell’esame autoptico sul corpo di Sarah che non evidenziano alcun segno di violenza sessuale.
     

  5. Misseri conferma la versione precedente, escluso l’abuso sessuale
     
  6. Misseri scrive due lettere alle figlie, in cui scagiona Sabrina e si scusa per averla accusata dell’omicidio
     
  7. In una lettera inviata al suo avvocato Michele Misseri si autoaccusa del delitto scagionando ancora la figlia Sabrina. Sostiene di aver strangolato Sarah con una corda nel garage di casa durante un raptus scaturito dal fatto che non riusciva a far partire il suo trattore. Sarah, cadendo a terra, avrebbe urtato la testa contro un compressore.

Cosa c’entra la mamma di Sabrina?

Il 26 maggio 2011, Cosima Serrano viene arrestata con l’accusa di concorso in omicidio e sequestro di persona. A incastrarla è prima il suo cellulare e poi la testimonianza del fioraio di Avetrana, Giovanni Buccolieri che dichiara di aver visto quel 26 agosto del 2010, le due donne strattonare Sarah e costringerla a salire in macchina intorno alle 14.30. Buccolieri poi sostiene di essersi confuso e che il fatto è frutto di un suo sogno. I giudici considerano le sue parole attendibili e compatibili con la ricostruzione dei fatti.

Le condanne

Il 20 aprile del 2013,  la Corte d’assise di Taranto condanna all’ergastolo Sabrina Misseri e Cosima Serrano per l’omicidio di Sarah Scazzi. Lo zio Michele Misseri viene invece condannato a 8 anni per concorso in occultamento di cadavere. Per lo stesso reato vengono inflitti 6 anni ciascuno a Carmine Misseri e Cosimo Cosma. Anche l’ex difensore di Sabrina viene condannato, a due anni di reclusione in questo caso, per intralcio alla giustizia. Il 27 luglio 2015 sempre Corte d’Assise d’Appello tarantina conferma la condanna all’ergastolo per Sabrina e Cosima e la condanna a otto anni di reclusione per Michele Misseri.

Ultimo aggiornamento 20 febbraio ore 22:00

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.