TwitterFacebookGoogle+

Duterte e' pentito, si scusa per insulti a Obama

Vientiane – Dopo gli insulti, sono arrivate le scuse: il presidente filippino, Rodrigo Duterte, si e’ pentito di aver insultato Barack Obama. “Sebbene la causa immediata (della disputa) siano state le parole forti a certe domande della stampa, ci spiace che (queste parole) siano risultate come un attacco personale contro il presidente degli Stati Uniti”, si legge in un comunicato della presidenza filippina diffuso a Manila prima che Duterte si spostasse in Laos dove entrambi parteciperanno al vertice Asean. Dopo i pesanti insulti rivolti a Barack Obama, la Casa Bianca aveva annullato l’incontro bilaterale, a margine del summit nella capitale Vientiane. Il capo di Stato filippino aveva offeso il presidente americano, definendolo un “figlio di p…”, piccato per la reprimenda di Obama sulla guerra agli spacciatori che negli ultimi due mesi ha provocato oltre 2.400 morti nel Paese del sud-est asiatico. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.