TwitterFacebookGoogle+

E' stato chiesto il fallimento di Atac

“Atac deve essere dichiarata insolvente”. E’ quello che c’è scritto nell’istanza di fallimento depositata ieri (giovedì 31 agosto) al Tribunale di Roma da uno dei tre grandi fornitori di carburante della municipalizzata capitolina, un gigante da 12mila dipendenti con un debito che sfiora 1,4 miliardi di euro. Lo riporta oggi il Messaggero in edicola. Una ditta che da sola vanterebbe “un credito a sei zeri nei confonti della partecipata del Campidoglio”, che sul giornale si sofferma sui numeri e i particolari del crack paventato di Atac.

30 giorni per decidere se Atac fallirà

Si concretizza quindi sull’azienda pubblica del trasporto romano la possibilità della bancarotta. Il giudice avrà 30 giorni per decidere se accogliere o meno la richiesta dell’impresa creditrice, scrive il Messaggero. Il rischio per l’azienda c’è, secondo il quotidiano. E arriva il giorno prima di un consiglio di amministrazione che dovrebbe formalizzare la procedura per il concordato in bianco, ovvero un piano di risanamento da attuare sotto la marcatura ‘stretta’ del tribunale fallimentare. 

Si è dimesso il direttore operativo

Un’altra tegola sull’azienda invece arriva dalle dimissioni del direttore operativo Alberto Giraudi, il numero 2 della società, trenta giorni dopo l’addio tra le polemiche di Bruno Rota e il siluramento dell’ex amministratore unico Manuel Fantasia. Il ricschio è l’effetto domino, scrive il quotidiano nelle pagine interne della cronaca di Roma. Il manager torinese, classe 1969, era arrivato all’Atac dopo aver vinto un concorso e promosso dalla ex governance a 5 stelle. “Ennesimo terremoto nell’azienda?” si chiede il Messaggero. Ma la risposta dei 5 stelle è che è solo un modo per accelerare il cambiamento in atto.  

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.