TwitterFacebookGoogle+

E’ stato decodificati uno degli ultimi rotoli del Mar Morto crittografati

Un gruppo di scienziati del Dipartimento di studi biblici dell’Università di Haifa, in Israele, ha decifrato una delle ultime parti oscurate dei Rotoli del Mar Morto, una raccolta di quasi 1.000 antichi manoscritti in ebraico, aramaico e greco scoperti nelle grotte vicino Qumran nel deserto della Giudea negli anni ’40 -’50.

I membri della setta di Qumran, che si riferivano a se stessi come la comunità di Yahad (“Insieme”), erano un gruppo fanatico che viveva una vita eremitica nel deserto della Giudea. Hanno scritto numerosi rotoli, incluso un piccolo numero scritto in caratteri criptici.

Il rotolo Qumran appena decifrato (soprannominato 4Q324d) – ricostruito da 60 piccoli frammenti, alcuni più piccoli di un cm 2 – contiene informazioni sulle date più importanti del calendario di 364 giorni della setta.

“Questo calendario è stato coinvolto in uno dei dibattiti più feroci tra i diversi gruppi durante il tardo periodo del Secondo Tempio”, hanno detto i ricercatori dell’Università Eshabal di Haifa, Eshbal Ratzon e il professor Jonathan Ben-Dov.

“Il calendario lunare, che il giudaismo segue ancora oggi, richiede un gran numero di decisioni umane. Le persone devono guardare le stelle e la Luna e riferire sulle loro osservazioni, e qualcuno deve avere il potere di decidere sul nuovo mese e sull’applicazione degli anni bisestili “.

“Al contrario, il calendario di 364 giorni era perfetto. Poiché questo numero può essere diviso in quattro e sette, le occasioni speciali cadono sempre nello stesso giorno. Questo evita la necessità di decidere, ad esempio, cosa succede quando una particolare occasione cade nel Sabbath, come spesso accade nel calendario lunare. ”

“Il calendario di Qumran è immutabile e sembra che abbia incarnato le credenze dei membri di questa comunità riguardo alla perfezione e alla santità”, hanno spiegato.

Il calendario della setta di Qumran descrive due occasioni speciali non menzionate nella Bibbia, ma che sono già note dal Rotolo del Tempio di Qumran: le feste di New Wine e New Oil. Queste date costituivano un’estensione del festival di Shavuot come lo conosciamo oggi, che celebra il grano nuovo.

Secondo questo calendario, il festival del grano nuovo cade 50 giorni dopo il primo sabato dopo la Pasqua; il festival di New Wine arriva 50 giorni dopo; e dopo un ulteriore intervallo di 50 giorni, si celebra il festival del New Oil.

Lo scroll calendar 4Q324d offre anche alcune sorprese.

I ricercatori erano a conoscenza delle precedenti pergamene che i membri della setta celebravano la transizione tra le stagioni, aggiungendo un giorno speciale per ciascuno dei quattro cambi di stagione. Fino ad ora, tuttavia, il nome di questi giorni speciali è rimasto sconosciuto.

Il presente rotolo rivela che in questi giorni ci si riferiva alla parola Tekufah . Nell’ebreo di oggi, ” Tekufah ” si traduce nella parola “periodo”.

“Questo termine è familiare alla successiva letteratura rabbinica e ai mosaici risalenti al periodo talmudico, e avremmo potuto presumere che sarebbe stato usato anche con questo significato nei rotoli, ma questa è la prima volta che viene rivelato, ” il gli scienziati hanno detto.

“La pergamena fornisce anche ulteriori informazioni sulle abitudini degli autori delle pergamene”, hanno aggiunto.

“Emerge che la persona che ha scritto il rotolo – probabilmente uno dei leader della setta che ha familiarità con il codice segreto – ha dimenticato di menzionare diversi giorni speciali segnati dalla comunità”.

“Di conseguenza, un altro scriba è stato costretto a correggere gli errori, aggiungendo le date mancanti nei margini tra le colonne di testo.”

“Il rotolo è scritto nel codice, ma il suo contenuto reale è semplice e ben noto, e non c’era motivo di nasconderlo. Questa pratica si trova anche in molti luoghi al di fuori della Terra di Israele, dove i leader scrivono in codice segreto anche quando discutono di questioni universalmente note, come riflesso del loro status “.

“L’usanza era intesa a dimostrare che l’autore aveva familiarità con il codice, mentre altri non lo erano. Tuttavia, questo rotolo mostra che l’autore ha commesso una serie di errori “.

“Questo rotolo include numerose parole ed espressioni che troviamo più tardi nel Mishna. Ciò dimostra ancora una volta che molti degli argomenti discussi dagli scribi diversi secoli più tardi hanno avuto origini che hanno preceduto il periodo del Secondo Tempio “, hanno detto il dott. Ratzon e il professor Ben-Dov.

I risultati del team sono pubblicati sul Journal of Biblical Literature .

http://www.sci-news.com/archaeology/calendrical-dead-sea-scroll-israel-05657.html

http://www.antikitera.net/news.asp?id=13758&T=2

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.