TwitterFacebookGoogle+

Ecco il messaggio nella bottiglia di Mussolini 

Roma – Da sempre e’ l’obelisco della discordia e la scoperta che ‘nasconde’ un messaggio di Mussolini ai posteri e’ destinata a inasprire la polemica al calor bianco che circonda il colosso da 300 tonnellate eretto di fronte al Foro italico. Due studiosi, Bettina Reitz-Joosse dell’universita’ di Groninga e Han Lamers dell’universita’ di Lovanio sono stati i primi a studiare nel dettaglio e a tradurre il cosiddetto ‘Codex Fori Mussolini’. Anche se il messaggio resta sepolto e invisibile sotto i blocchi di granito tirati su nel 1932, i due sono riusciti a ricostruirlo attraverso tre diverse fonti emerse nelle biblioteche e negli archivi della capitale. “Non era un messaggio pensato per i contemporanei” ha detto Reitz-Joosse alla Bbc, “Anche se l’obelisco doveva essere il piu’ visibile possibile, non v’era quasi traccia dell’esistenza del testo, destinato ai lettori del futuro”.

A scrivere in latino quello che e’ a tutti gli effetti un peana del dittatore fascista fu Aurelio Giuseppe Amatucci, studioso di letteratura latina cristiana e titolare della cattedra di letteratura latina alla Cattolica di Milano. Si compone di tre parti: nella prima si rende conto della genesi e dei traguardi raggiunti dal fascismo e della ascesa di Mussolini. L’Italia viene descritta come un Paese sull’orlo del baratro dopo la Prima Guerra Mondiale e di come il Duce l’avesse salvata “rigenerandola grazie alla sua risolutezza e alle sue intuizioni superomistiche”. Mussolini, dice Lamers, viene presentato come una nuova specie di imperatore, ma anche come l’uomo della Provvidenza mandato a salvare il popolo italiano. La seconda parte riguarda l’Organizzazione della gioventu’ fascista e i programmi per i giovani. La terza parte racconta la costruzione del Foro Italico – all’epoca noto come Foro Mussolini – e l’erezione dell’obelisco. Sotto l’obelisco sono sepolte alcune monete d’oro, come in uso durante il Rinascimento.

La curiosita’, sottolineano gli studiosi, e’ che il messaggio era stato pensato per essere letto dopo l’abbattimento dell’obelisco e di conseguenza dopo la caduta del regime, segno che i fascisti stessi erano consapevoli del fatto che prima o poi sarebbero andati incontro al tramonto. A guerra quasi finita un gruppo di partigiani accarezzo’ l’idea di tirare giu’ il colosso e piazzo’ alla sua base una carica di esplosivo. L’arrivo di un vigilante in bicicletta, pero’, li costrinse a spegnere di corsa la miccia: nessuno aveva voglia di provocare vittime innocenti. Molto piu’ di recente, appena un anno e mezzo fa, la presidente della Camera, Laura Boldrini, scateno’ un’ondata di polemiche suggerendo di lasciarlo in piedi, ma di ‘raschiare via’ la scritta ‘Mussolini Dux’. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.