TwitterFacebookGoogle+

Ecco la foto che ha 'inguaiato' il Pronto Soccorso di Nola

Napoli – Al Pronto Soccorso di Nola mancano le barelle e i posti letti e così i malati vengono curati sul pavimento.  A fare luce sulla vicenda è stata una foto pubblicata su Facebook e che in poche ore ha fatto il giro del web: due donne, sdraiate per terra con accanto un operatore del 118 che cerca di aiutarle. L’immagine non fa altro che raccontare e denunciare ciò che ogni giorno accade all’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, nel napoletano. 

La vicenda punto per punto

  • Dopo la pubblicazione della foto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha disposto un’ispezione dell’ospedale. Carabinieri e Nas sono andati sul posto per accertare quanto è accaduto. 
  • “Come si fa a mandare via pazienti, specie quelli arrivati di sera? Meglio curare a terra qualcuno che farlo andare via”. E’ quanto ha detto ai cronisti Andrea De Stefano, direttore sanitario dell’ospedale di Nola Santa Maria della Pietà.  “A terra abbiamo anche salvato una vita, applicando un defribillatore. A terra abbiamo messo anche una persona in posizione antisoffocamento. Abbiamo preferito curare le persone piuttosto che non dare assistenza”. 
  • Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha convocato tutti i responsabili delle Asl e delle aziende ospedaliere della Campania e ha chiesto di avviare immediatamente le procedure di licenziamento dei responsabili del pronto Soccorso e del presidio ospedaliero di Nola. 

  • La Asl Napoli Tre Sud ha sospeso i responsabili del Pronto Soccorso e il direttore sanitario del nosocomio.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.