TwitterFacebookGoogle+

Ecco Ridaje!, la startup sociale che vuole ridare una possibilità ai senzatetto

Un fundraising da 20 mila euro per accendere i motori della società, una campagna di equity crowdfunding per dare ai cittadini la possibilità di diventare parte dell’azienda, una piattaforma capace di far incontrare domanda e offerta di decoro delle aree verdi di Roma (ci sono 44 milioni di metri quadrati di aree verdi abbandonate). E non da ultimo, un modello di business che renda sostenibile la solidarietà: per dare ai senzatetto (8 mila solo nella Capitale), un’altra possibilità, un’opportunità di reinserimento sociale grazie al giardinaggio e sì, anche una piccola remunerazione di 400 euro. Sono queste le linee su cui si muove Ridaje!, progetto imprenditoriale a carattere sociale, presentato ieri a Villa Blanc, il campus della LUISS Business School. 

L’idea. Ridaje! si pone come obiettivo la reintegrazione sociale dei senzatetto, attraverso il lavoro di recupero del verde urbano e della realizzazione e gestione di quello privato. Il modello è un’impresa sociale inclusiva in cui i senzatetto possano essere attivati come giardinieri a disposizione della cittadinanza. L’approccio è frutto del lavoro sul business empowerment di ERSHub di LUISS Business School (network di ricercatori di LUISS dedicato allo studio delle connessioni tra etica, responsabilità e sostenibilità).

Il team. Dietro la startup, che ad agosto diventerà una srl, un team guidato da Lorenzo Di Ciaccio, CEO di Pedius, che ha sviluppato un device che permette ai non udenti di parlare al telefono, Sara Del Vecchio, Communication and Marketing Specialist Pedius, Luca Mongelli, Coordinatore Scientifico ERSHub, Marcello Di Paola, Docente LUISS Guido Carli e Fondatore Minima Urbania, e Ahmed Abdel Rahman, CEO di Elysium. Ieri erano tutti presenti nello spazio su via Nomentana a Roma, per presentare l’iniziativa, raccontarne lo spirito e gli obiettivi e per fare un po’ il punto sul complesso rapporto fra business e solidarietà. 

La piattaforma. “Ad agosto Ridaje! – ha spiegato Lorenzo Di Ciaccio –  diventerà una srl e verrà lanciata una piattaforma che servirà a recepire le risorse per i giardinieri (400 euro al mese). Meno di un part-time – ha precisato – ma l’obiettivo non è dare uno stipendio a queste persone, ma contribuire al loro reinserimento nella società. Abbiamo già raccolto 20 mila euro in fundrising, una somma calcolata per sostenere 2 persone in un anno. Che cosa abbiamo fatto? Abbiamo trasformato le donazioni in investimento”. Ha aggiunto Di Ciaccio, che prima di guidare Pedius ha fatto il consulente informatico e ha esperienza anche come volontario “una cosa che ho imparato facendo servizio alla stazione Termini è il piacere di stare con le persone e di mangiare insieme a chi ha bisogno. Con Ridaje! – ha aggiunto – vogliamo dare un’impronta imprenditoriale alla solidarietà: la nostra missione non è tamponare un’emergenza, ma creare un impatto che duri nel tempo”. 

Bene comune ed economia. Del contesto in cui è nato Ridaje!, di imprenditorialità che incontra il sociale, di corporate responsability, di bene comune ed economia e del rapporto fra empowerment e business ha parlato Luca Mongelli, Coordinatore Scientifico ERSHub. “Empowerment vuol dire forza, spazio, ma anche sviluppo integrale della persona. Empowerment e business sono due concetti antitetici? A ERSHub ci abbiamo riflettuto su e su questo modello è nato Ridaje!”. Lorenzo Di Ciaccio “è quello che con Pedius ha fatto parlare i sordi con il cellulare. Era l’uomo giusto” ha raccontato Mongelli. Così è nata l’idea di trasformare i senza tetto in giardinieri, un’idea che ha raccolto l’adesione di Sara Del Vecchio, manager di Pedius, di Ahmed Barkhia e di Marcello Di Paola, di Minima Urbania. “Ad un certo punto ci siamo guardati negli occhi e ci siamo detti ‘Si può fare’”.

I progetti già avviati. La startup e i suoi giardinieri hanno già portato a termine un intervento di manutenzione ordinaria al giardino dell’associazione Diritti al Cuore Onlus, ONG che opera nel campo dei diritti umani e della cooperazione internazionale, un intervento di riqualifica di un’area verde del Mercato Esquilino di Roma, e un altro intervento di manutenzione ordinaria.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.