TwitterFacebookGoogle+

Editoria digitale grande opportunita', Pica"nuovi modelli"

Roma – Le nuove tecnologie e le aziende editoriali. Un tema complesso, che sta cambiando profondamente il lavoro degli editori nell’era digitale, in cui l’Italia cerca di recuperare un gap accumulato negli anni. Se ne e’ parlato alla Camera dei Deputati, nel corso di un incontro sul tema “Innovazione: menti a confronto”, a cui hanno partecipato, tra gli altri, Derrick de Kerckhove, Consiglierescientifico Osservatorio TuttiMedia, Roberto Saracco, direttore Eit Digital, Francesco Profumo presidente di Fbk, Alessandro Pica ad Agi e presidente Fieg della categoria agenzie di stampa, Paolo Messa del Cda Rai, Enrico Bellini di Google e Fabrizio Carotti di Fieg. Nel corso del suo intervento,l’ad dell’Agenzia Italia si e’ soffermato sulle opportunita’ di inventare nuovi modelli di business ed editoriali, perche’ la tecnologia sta rapidamente cambiando il ruolo, il posizionamento e il business di queste aziende: “dobbiamo entrare nella logica che la tecnologia offre grandi opportunita’, ma se utilizzata male produce danni devastanti. La crisi del settore editoriale e’ profonda – ha spiegato Pica – Oggi abbiamo la necessita’ di inventare nuovi modelli. Il dato impressionante e’ che il 75% dell’informazione presente su giornali, tv e siti internet, viene originata dalle agenzie di stampa, che di fatto sono il primo anello della catena dell’informazione. Internet e’ una grande opportunita’, anche per l’informazione stessa, ma non e’ la soluzione, perche’ sul web non vi e’ la certezza della certificazione dell’informazione. Servono infatti i giornalisti professionisti per poter certificare l’informazione e dare cosi’ garanzie all’opinione pubblica“. Ecco quindi la necessita’ di un nuovo riposizionamento delle agenzie di stampa sul mercato dell’informazione: “Noi abbiamo intrapreso un percorso di forte rinnovamento – ha spiegato Alessandro Pica – domani l’agenzia di stampa AGI sara’ qualcosa di diverso, sara’ una media company, sara’ una info-provider, perche’ il modello di business delle agenzie e’ fermo al modello Reuters di inizio ‘800. I nostri clienti, oggi, hanno bisogno di articoli gia’ pronti, da pubblicare subito in pagina. Tutti noi stiamo lavorando ad un nuovo modello che certamente rappresenta il futuro di questo settore”, un lavoro, ha concluso Pica, “in grado di trasformare l’informazione in prodotti che possano viaggiare su piattaforme diverse e con diverse, possibili, monetizzazioni, nazionali ed internazionali”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.