TwitterFacebookGoogle+

Egitto: attacco in una moschea nel Sinai, almeno 155 morti

Sono almeno 155 i morti nell’attentato in una moschea del nord del Sinai egiziano, secondo un nuovo bilancio diffuso dalla televisione di Stato. Nella strage sono rimaste ferite almeno 120 persone. Secondo la prima ricostruzione della dinamica, gli attentatori avrebbero provocato un’esplosione e poi aperto il fuoco sui fedeli riuniti per la preghiera collettiva del venerdì.

L’attacco, che è avvenuto alla moschea al-Rawdah, a Bir al-Abed, a ovest della città di Arish, non è stato rivendicato da nessun gruppo. L’esercito egiziano ha riferito di aver ucciso due “miliziani” e di aver distrutto diversi “covi di terroristi” nella penisola del Sinai. Ad annunciarlo è stato un comunicato diffuso oggi dalle forze armate del Cairo, in cui il portavoce dell’esercito Tamer Rifai ha detto che il personale militare egiziano di stanza nel centro del Sinai ha “eliminato due miliziani” e distrutto un numero indefinito di “covi di terroristi” che contenevano “grandi quantità di materiale esplosivo”. Il portavoce non ha fornito ulteriori dettagli su come e quando queste persone siano state “eliminate”. Secondo quanto riportato dalla televisione di stato egiziana, il governo del Cairo ha proclamato 3 giorni di lutto nazionale a seguito dell’attentato.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.