TwitterFacebookGoogle+

Eletto Mister gay, è un inglese il più bello del mondo

Mr gay“Roma è il posto più bello dove sia mai stato, vincere qui è un’emozione”. L’inglese Stuart Alexander Hatton, 29 anni, è il nuovo Mr Gay World che per un anno rappresenterà la comunità Lgbt in tutto il globo. Ieri sera l’elezione, per la prima volta in Italia, dopo tre giorni di prove e sfide al Gay Village dell’Eur. A competere con lui altri 22 concorrenti da altrettanti paesi del mondo, per una serata all’insegna dell’autoironia, in cui si è sfilato poco e riso tanto, con la conduttrice e direttore artistico Vladimir Luxuria e la giuria internazionale, in cui sedevano anche gli italiani Fabio Canino, Fioretta Mari e Vanni Piccolo, che commenta, dopo il vandalismo che ha colpito la sua abitazione qualche giorno fa: “Con questo evento la città supera i pochi stupidi omofobi e si proietta come capitale europea, dimostrando di essere grande e varia”.

Così i 23 concorrenti per il titolo di Mr Gay World si sono sfidati a suon di prove fisiche, d’abilità e d’intervista, ma anche  –  come d’obbligo  –  di bellezza, con la sfilata in cui ognuno ha rivisitato le tradizioni del proprio paese. Così l’italiano Nicola La Triglia è salito sul palco vestendo degli inattesi abiti da partigiano: “Perché il movimento della comunità Lgbt è di Liberazione, proprio come fu all’epoca per la Resistenza”. E poco importa se non è riuscito ad arrivare neanche tra i primi dieci. “Per me già essere qui è una vittoria  –  continua Nicola  –  con il sorriso e la mia pancetta ho voluto dimostrare che la vera bellezza è l’autenticità”.Muscoli e tatuaggi invece per il vincitore inglese, che però non perde di vista l’attenzione ai diritti civili, filo rosso dell’intera serata: “È importante  –  spiega Stuart Hatton jr. – che un evento come questo si tenga in un paese che ancora non ha riconosciuto i diritti degli omosessuali, affinché sia l’inizio di un percorso di emancipazione anche qui in Italia, che così si prepara a essere paese del mondo”. E anche la padrona di casa Vladimir Luxuria, dopo aver posato per la campagna contro l’omofobia “Noh8”, declina il senso di Mr Gay World in favore dei diritti: “Questo evento è stato l’occasione per confrontare i tanti paesi del mondo sui diritti civili, e purtroppo l’Italia ne esce malissimo”.

L’anno prossimo Mr Gay World si terrà in Sudafrica, per la prima volta nel continente nero. La delegazione del paese africano era presente al Gay Village per la consegna del testimone, insieme a tanti rappresentanti delle ambasciate a Roma dei vari paesi in concorso, in prima fila a fare il tifo per il proprio connazionale con bandierine e striscioni.

Argomenti:
mister gay
Protagonisti:
stuart alesxander hatton

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.