TwitterFacebookGoogle+

'Elettore infedele', l'ultima chance per Hillary Clinton

di Cecilia Scaldaferri

Washington – Cosa succederebbe se i 538 grandi elettori, chiamati il 19 dicembre a eleggere il nuovo presidente degli Stati Uniti, rinnegassero il voto espresso a favore di Donald Trump in base ai collegi elettorali e dessero la vittoria a Hillary Clinton? Una simile decisione, considerata alla stregua di un’eventualità ipotetica del terzo tipo, in realtà è teoricamente possibile negli Usa.

CHE COS’E’ IL ‘FAITHLESS ELECTOR’
il sistema americano prevede il cosiddetto ‘faithless elector’, l’elettore infedele che, nel segreto dell’urna, sconfessa la preferenza precedentemente accordata e dà il suo voto a un altro candidato. Non è una scelta indolore, anche perché in 24 Stati la legge obbliga i grandi elettori a votare seguendo le indicazioni di partito, pena il pagamento di una multa, fino a mille dollari. Ma non è impossibile. E proprio su questo si sono concentrati gli sforzi degli attivisti democratici, decisi a far contare il voto popolare che ha dato la vittoria alla Clinton con uno scarto di oltre 200mila preferenze su Trump, al contrario dei collegi elettorali che, sulla carta danno al magnate repubblicano 279 voti.

LA PETIZIONE ONLINE 
Sulla piattaforma change.org, una petizione è già stata lanciata e ha raccolto finora oltre 2 milioni di firme: “Hillary ha vinto il voto popolare. L’unica ragione per la quale Trump ha ‘vinto’ e’ grazie al Collegio Elettorale che, però, può dare la Casa Bianca a qualunque candidato. Quindi, perché non usare la più antidemocratica delle nostre istituzioni per assicurare un risultato democratico?”. L’eventualità non si è mai verificata nella storia degli Usa. I casi di elettori infedeli tra il 1968 e il 2004 sono stati soltanto sei, di cui uno probabilmente per errore, e non hanno avuto alcuna influenza sul risultato finale. Inoltre, se anche l’appello ai grandi elettori “repubblicani responsabili” sortisse l’effetto desiderato, non è detto che userebbero il loro voto per la Clinton, o piuttosto per un altro repubblicano o addirittura per nessuno. Se nessun candidato raggiunge quota 270 voti dei grandi elettori, la scelta passa alla Camera dei rappresentanti, saldamente in mano ai repubblicani, non tutti pero’ schierati con l’outsider Trump. 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.