TwitterFacebookGoogle+

Elezioni in Tunisia, e' scontro su exit poll

(AGI) – Roma, 22 dic. – La Tunisia conoscera’ stasera il nome del primo presidente democraticamente eletto dopo Ben Ali. Ma mentre si attendono i risultati del ballottaggio, e’ scontro tra il candidato laico Beji Caid Essebsi, che rivendica la vittoria negatagli pero’ dal presidente uscente sostenuto dagli islamisti, Moncef Marzouki. Gli exit poll hanno dato al leader del partito Nidaa Tounes oltre il 53%, in un voto segnato da un’affluenza che ha sfiorato il 60%. Sostenitori di Essebsi hanno festeggiato nella notte nella capitale, ma dallo staff di Marzouki ribadiscono di non volersi pronunciare, aspettando la comunicazione ufficiale perche’ gli exit poll “non sono affidabili”. “Gia’ al primo turno – ha spiegato il consigliere Samir Ben Amor – i sondaggi avevano dato un distacco molto elevato tra i due candidati, che dopo i dati ufficiali si e’ ridotto a soli 6 punti percentuali”. Dallo stesso partito di Essebsi, la responsabile della comunicazione, Aida Klibi, ha riconosciuto il diritto di Marzuki a “protestare o non riconoscere i risultati” dei sondaggi, sottolineandone tuttavia la serieta’ e il risultati vicini a quelli ufficiali diffusi in occasione delle ultime tornate elettorali. La speranza del partito, ha aggiunto, e’ che la vittoria di Essebsi venga confermata ufficialmente al piu’ presto, “in modo da cominciare i preparativi per la formazione del nuovo governo, perche’ non c’e’ un minuto da perdere”. Veterano della politica, coinvolto nei passati regimi e per questo accusato di voler restaurare il vecchio ordine, l’88enne Essebsi aveva cercato di abbassare i toni subito dopo la chiusura delle urne, ricordando al rivale che “dobbiamo lavorare insieme per il futuro della Tunisia”. Un’esortazione non raccolta da Marzouki, attivista per i diritti umani incarcerato sotto Zine El Abidine Ben Ali, divenuto presidente ad interim appoggiato dagli islamisti di Ennahda, che ha definito la proclamazione della vittoria “senza fondamento”, invitando la popolazione ad attendere i risultati ufficiali che verranno annunciati alle 20 ora locale (le 21 in Italia). Essebsi era stato indicato come favorito gia’ da ottobre quando il suo partito aveva vinto alle elezioni parlamentari, e al primo turno aveva conquistato il 39% delle preferenze contro il 33% di Marzouki. Intanto, il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, si e’ congratulato con il Paese per la “pietra miliare” posta dal voto presidenziale, il primo libero dall’indipendenza. Un successo che conferma “il ruolo storico della Tunisia”, ha dichiarato Fabius in un comunicato, Paese dal quale e’ nata la Primavera araba, “l’unico” di questi che e’ “riuscito a sopravvivere”, come ha sottolineato il settimanale ‘Tunis Hebdo’. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.