TwitterFacebookGoogle+

Embrioni scambiati, i genitori genetici dei gemelli: Nessuno sia escluso

ROMA – … I genitori “genetici” dei gemellini appena nati, finora avevano scelto di tacere. Troppe emozioni. Gioia, dolore, rabbia. Per quei due bambini venuti al mondo dai loro embrioni ma nel grembo di un’altra donna, Paolo ed Elisa semplicemente non esistono. Così ha stabilito il giudice. Nonostante il Dna. Nonostante tutto. Ieri pomeriggio Paolo ed Elisa, così li abbiamo chiamati, hanno deciso di rompere il silenzio. Li incontriamo nella quiete del loro salotto. Sono amareggiati, delusi. “Sapere che i bimbi stanno bene – dice Elisa – è una grande felicità, ma non poterli abbracciare per noi rimane una crudeltà ingiustificata”.

Sapevate che erano nati il 3 agosto?

Paolo: “Assolutamente no. E anche questo ci fa male… Ci dobbiamo nuovamente rammaricare della mancanza di umanità con la quale abbiamo ricevuto la notizia: attraverso i giornali. Abbiamo vissuto una specie di gioco mediatico con un colpo di scena degno di un reality. Ma forse, “dall’altra parte” ci si dimentica che anche i nostri sentimenti vanno rispettati”…
L’altra coppia ha dichiarato di avervi contattato ma senza risposta.
Paolo: “Dell’altra coppia ci rimane la delusione, proprio per quell’incontro mai chiesto da loro, ma bensì da noi. Loro hanno risposto con una mail in cui ci informavano che al solo pensiero di incontrarci la signora si era sentita male e che se si fosse palesata l’opportunità avrebbero voluto sapere da noi l'”ordine del giorno”. Sinceramente per noi era abbastanza ovvio… I bambini! Chissà se adesso troveranno il coraggio e la voglia di incontrarci”.
Quindi la vostra richiesta è la stessa: incontrarvi voi quattro, senza avvocati?
Paolo: “Sì. Per noi rimane sempre al primo posto il bene dei bambini e la speranza che possano al più presto ricevere anche le nostre cure e attenzioni”.
Elisa: “Rimaniamo convinti che questa storia può avere un altro finale. Si tratta di amore da dare e non di egoismo da osteggiare… Nessuno dei quattro adulti coinvolti in questa storia deve rimanere escluso dalla vita dei bambini. Sempre che si riescano a instaurare dei rapporti di civile umanità”…
L’intervista integrale su Repubblica in edicola e su Repubblica+
Argomenti:
scambio di embrioni
fecondazione assistita
embrioni
Protagonisti:

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.