TwitterFacebookGoogle+

Emergono sospetti che Erdogan abbia inscenato il proprio colpo di stato per ottenere più potere

erdoFONTE: SPUTNIKNEWS.COM –

Quello che era iniziato come un scambio di opinioni è diventato una teoria del complotto in piena regola quando un giornalista di Politico.eu  ha versato benzina sul fuoco sostenendo che la sua fonte turca ritiene il colpo di Stato una messa in scena.

Dopo che il leader del paese ha definito il fallito rovesciamento: “Un dono di Allah”, sui social media si stanno scatenando nuovi sospetti che Recep Tayyip Erdogan, Presidente della Turchia, abbia simulato il tentativo di colpo di Stato contro il Governo. Usando l’hashtag #TheaterNotCoup gli utenti sui social media stanno chiedono ad alta voce se l’intero evento non sia stato altro che un elaborato piano del potente uomo turco per accumulare ancora più controllo.
tw
La teoria ha avuto origine quando Ryan Heath, corrispondente europeo di Politico.eu , ha detto che una sua fonte turca ritiene che l’intero fiasco sia stato uno spettacolino preparato ad arte, citando il fatto che il Governo, tramite gli SMS, è stato in grado di comunicare con chiunque in Turchia e che così Erdogan sarebbe in grado di “ripulire” l’esercito dai laici (i secolaristi) e di piazzare dei mussulmani integralisti a lui fedeli sia nella Magistratura, sia nelle Forze Armate, eliminando qualsiasi controllo costituzionale sul leader.

twee

Gli opinionisti sui social media, derisi dalla maggior parte come teorici della cospirazione o considerati dei pazzi, sostengono che l’iperbolico Erdogan utilizzerà il tentativo di colpo di Stato, che ha fatto più di 265 morti ed oltre 2000 feriti, nello stesso modo con cui Hitler nel 1933 usò l’incendio del Reichstag (il palazzo del Parlamento tedesco) come scusa per sospendere le libertà civili e ordinare arresti di massa.


Ci sono molte ragioni per dubitare di questa teoria fantasiosa, non da ultimo che il Presidente Erdogan era in vacanza quando i golpisti hanno occupato per prima cosa la sede della TRT (la TV di Stato),i ponti e l’aeroporto internazionale Ataturk di Istanbul. Il leader è stato costretto ad usare FaceTime per telefonare alla CNN Turchia per diffondere un disperato appello al popolo turco affinchè scendesse in piazza e bloccasse il colpo di Stato.

tanctredi
Altri sottolineano la convenienza per Erdogan di poter dare la colpa alla sua nemesi Fethullah Gülen,il presunto organizzatore di un governo ombra in Turchia – conosciuto come “La Struttura Parallela” – con ambizioni di prendere fondamentalmente il controllo del paese.
Inoltre negli ultimi mesi Erdogan era caduto in disgrazia tra i leader occidentali dopo le ripetute repressioni contro i giornalisti, le manovre legali per mettere fuori legge i dissidenti, l’emendamento costituzionale che revoca l’immunità ai parlamentari dell’opposizione ed il sequestro di quasi tutto il controllo dei poteri esecutivo e legislativo della nazione con il tacito consenso del Primo Ministro Binali Yildirim.

ks

Il presidente Erdogan è stato sia un tormentatore dell’Europa e degli Stati Uniti, sia un perno fondamentale nei piani strategici di entrambi. La Turchia ha accettato di accogliere da parte dell’Unione Europea un ulteriore milione di profughi siriani, oltre ai più di 2,75 milioni di migranti  che già ospita dai paesi devastati dalla guerra, in cambio di una corsia previlegiata per essere ammessa nell’UE e l’esenzione dal visto per i turchi.
Questi piani sono stati fermati per la maggior parte dai leader europei, con l’ex Primo Ministro britannico David Cameron che ha detto, riferendosi allo spostamento del paese verso un’impostazione autocratica, non s’immaginava la Turchia sarebbe stata pronta ad entrare nell’UE per almeno altri mille anni.

hhh

Ciò nonostante il presidente della Turchia s’è fatto più audace con l’UE che quasi prega che egli possa resistere, poichè gli eventi accaduti Venerdì notte mettono a repentaglio il futuro stesso dell’Europa. Se il regime di Erdogan cadesse, l’Europa affrontarebbe lo spettro di diversi altri milioni di rifugiati che inondano il continente – una realtà che metterebbe fine dell’unione economica e porterebbe all’immediata fine dell’accordo di Schengen sulle frontiere aperte.
Gli Stati Uniti si ritrovano in un imbarazzo simile con la Turchia, che serve come principale trampolino di lancio della NATO in Medio Oriente per partecipare alle crisi in Siria ed in Iraq. Se la Turchia cadesse e gli Stati Uniti perdessero l’accesso alla base aerea di Incirlik, la lotta degli Stati Uniti contro il Daesh subirebbe una tumultuosa battuta d’arresto.

Di fronte a queste realtà, l’immagine di come potrebbe essere il mondo senza Erdogan può benissimo essere stata una manna dal cielo per il leader assediato della Turchia, ma può anche essere un incubo per gli Stati Uniti.

Il governo turco ha già incarcerato 2.800 soldati e 2.745 giudici che si sostiene abbiano cospirato contro il regime di Erdogan e che ora affronteranno tutti quanti le accuse di tradimento. Non si sa se ognuno di questi soldati o giuristi presi di mira sia stato un oppositore alla forma di governo di Erdogan dell’uomo forte, ma di sicuro non erano tutti coinvolti nella congiura. Indipendentemente da ciò, ora le porte della prigione si sono chiuse sui leader delle principali opposizioni politiche.

Un opinionista sui social media ha suggerito:“Questo significa che [il fallito colpo di stato] sarà seguito da un vero colpo di stato organizzato da Erdogan stesso e gli ultimi resti della democrazia andranno persi”.

Anche Fethullah Gülen – colui che secondo i funzionari turchi sarebbe la presunta mente del colpo di Stato – ha avanzato l’idea che il colpo di Stato sia una messa in scena, dicendo: “Io non credo che il mondo creda alle accuse fatte dal Presidente Erdogan. C’è la possibilità che possa essere un finto colpo di Stato e che possa essere pensato per ulteriori accuse [contro i Gülenists]”.
In ultima analisi, che il colpo di stato sia stato realtà o finzione, il mondo è stato cambiato radicalmente dall’orrore disceso per le strade di Istanbul ed Ankara Venerdì notte, con il vantaggio che chiaramente è andato al superstite del colpo di Stato.

Fonte:
http://sputniknews.com

Link: http://sputniknews.com/middleeast/20160716/1043138797/erdogan-fake-coup-theater-power.html

16.07.2016

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotteorg a cura di CLEMENS

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16675

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.