TwitterFacebookGoogle+

Emiliano guida la rivolta delle regioni: “Puglia produrrà cannabis a uso terapeutico”

La Puglia è pronta ad avviare la produzione di cannabis medica per la terapia del dolore. Lo ha annunciato il governatore della Puglia, Michele Emiliano, intervenendo a Bari al simposio Medical Cannabis European Conference (MCEC). Il convegno sull’efficacia della cannabis medica nella terapia del dolore ha visto confrontarsi medici anestesisti, ricercatori di industrie farmaceutiche e terapeuti. Sono stati affrontati anche aspetti legislativi e soprattutto riguardanti la formazione del personale medico per la messa a punto dei protocolli terapeutici più adeguati. L’utilizzo della cannabis a scopo terapeutico è un tema su cui la politica si scontra spesso e spesso a prescindere dai dati scientifici. E non ha mancato di ricordarlo Emiliano, nel suo discorso di apertura del simposio. È stata necessaria una dose di “coraggio politico”, ha detto, “ogni volta che tentiamo di ragionare a mente fredda su alcuni argomenti l’Italia si spacca subito in due e la discussione viene stroncata dalle polemiche, dai luoghi comuni e anche dalla superficialità, senza alcuna considerazione per lo specifico umano, che per noi ha invece una grande importanza”.

La rivolta delle Regioni
 

Il governatore Emiliano guida una mini rivolta delle regioni. Il tema, infatti, è molto sentito e, come si legge su La Stampa, anche altri due governatori di centrosinistra, Enrico Rossi, della Toscana, e Stefano Bonaccini, dell’Emilia Romagna, si uniscono all’appello sull’esigenza di aumentare la distribuzione in Italia della canapa medicinale. Come scrive Ilario Lombardo sul quotidiano torinese, come ultima speranza resterebbe la legge di iniziativa popolare dei Radicali italiani, un testo valido anche nella prossima legislatura e che accanto alla legalizzazione prevede un ampio accesso alla cannabis terapeutica, finora garantita solo da dieci regioni.

Tra queste c’è la Toscana del presidente Rossi, ex Pd, oggi in Mdp, che si dice pronto a fare “una battaglia comune con medici e pazienti” e concorda con Emiliano su un punto: “Bisogna arrivare a un livello di produzione adeguato alla domanda dei malati. Abbiamo una struttura di eccellenza a Firenze ma servono più investimenti”.

Anche Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni è favorevole: “La quantità va aumentata, per garantire i diritti di tutti i cittadini, da Nord a Sud. Per questo sarebbe meglio – spiega – non mettere in competizione i livelli territoriali e che ci fosse un impegno del governo”. 

Marijuana a uso medico

La canadese MCEC e associazioni come ‘Grow It’ e la pugliese ‘LaPiantiAmo’ da anni sono impegnate nella diffusione dei risultati di studi scientifici sull’uso della marijuana medica – a basso contenuto di Thc, il principio attivo responsabile degli effetti psicotropici – nel trattamento del dolore e di altre patologie come ansia e depressione. “In un percorso di malattia che vivo in prima persona e nel ruolo di medico di me stesso non posso che comprendere ed essere vicino alla sofferenza di ciascuno dei miei pazienti“, ha detto il dottor Bill Code, anestesista canadese affetto da sclerosi multipla, e considerato un luminare negli studi sulla terapia del dolore, “immedesimandomi totalmente in ognuno dei miei assistiti, so che posso accompagnarli in un percorso che li porti da vittime a vincitorì”.

Le regioni che la producono in Italia sono 13

Le regioni in Italia che hanno aperto all’uso terapeutico della cannabis medica sono 13. Tuttavia non sono molti i medici disposti a prescriverla – o per mancanza di un’adeguata formazione o per pregiudizio – e nelle farmacie e negli ospedali autorizzati dal Sistema sanitario nazionale l’approvvigionamento della ‘medical cannabis’ è lento perché legato a stoccaggi limitati e a rapporti discontinui tra il produttore olandese del preparato e l’unico italiano autorizzato che ha sede a Firenze. L’associazione ‘LaPiantiAmo’, che si avvale di un team di esperti internazionali, ha offerto il proprio bagaglio di conoscenze e si è messo a disposizione del ministero della Salute per un programma di produzione autonoma nazionale della cannabis medica.

E ha trovato un alleato nel presidente Emiliano: “La Puglia vuole mettersi concretamente dalla parte del paziente, anche dando il via a una produzione autonoma regionale del medicinale“, ha spiegato, “e portare avanti il progetto con l’Associazione Grow It e LaPiantiAmo. Sono per noi partner indissolubili” perchè queste associazioni nascono dall’iniziativa di pazienti. “Se il governo non darà le necessarie certezze siamo pronti a partire autonomamente e produrci il farmaco sul territorio pugliese. È una battaglia che decido di portare avanti personalmente”, ha assicurato. Il simposio di Bari è il primo di un ciclo di appuntamenti che proseguirà nei prossimi mesi a Firenze, Rotterdam e Montecarlo. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.