TwitterFacebookGoogle+

Eni: approvato lo sviluppo del progetto Octp in Ghana

(AGI) – San Donato Milanese, 27 gen. – Eni, Vitol e Ghana National Petroleum Corporation (Gnpc) hanno firmato oggi, con il Presidente della Repubblica del Ghana, John Dramani Mahama, e il ministro del Petrolio, Emmanuel Armah-Kofi Buah, l’accordo per procedere con lo sviluppo del progetto integrato a olio e gas Octp, in Ghana. Il primo olio e’ previsto nel 2017, il primo gas nel 2018 e il picco di produzione, atteso per il 2019, sara’ di 80.000 barili di olio equivalente al giorno. Octp, spiega una nota, e’ un progetto integrato di sviluppo offshore in acque profonde situato a circa 60 chilometri dalla costa della regione occidentale del Ghana che comprende olio e gas non associato per circa 41 miliardi di metri cubi di gas e 500 milioni di barili di olio in posto. La natura integrata a olio e gas del progetto, prosegue il comunicato, lo rende solido dal punto di vista economico e permettera’ al Paese di ottenere un prezzo del gas competitivo, che sara’ di sostegno all’economia locale. I campi gas di Octp potranno rifornire con continuita’ il sistema di generazione termoelettrica del Ghana dal 2018 al 2036. La fornitura sara’ garantita grazie ai contratti di lungo termine con il Governo del Ghana. Inoltre, attraverso la partecipazione di Gnpc al progetto, il Ghana beneficera’ di un’ulteriore produzione di petrolio, gia’ a partire dal 2017, verranno generate maggiori royalties, tasse, occupazione e sviluppo del contesto locale. Il progetto avra’ un impatto ambientale minimo essendo “zero flaring” e a emissioni zero. Il gas non associato offrira’ benefici ambientali perche’ sostituira’ il petrolio leggero negli impianti esistenti e alimentera’ le nuove centrali elettriche, espandendo la capacita’ di generazione elettrica del Paese. L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: “Octp e’ un progetto integrato a olio e gas solido che garantira’ l’energia necessaria ad accelerare la crescita economica del Ghana, attraverso una soluzione interna che alimentera’ il settore energetico. L’avvio di questo importante progetto arriva dopo meno di 2 anni dal completamento di una campagna esplorativa di successo. Ancora una volta, come nella migliore tradizione di Eni, offriremo una crescita organica in una modalita’ ‘fast track’ affrontando in modo sostenibile le istanze energetiche del paese ospitante, in perfetta linea con il modello di Eni in Africa”. Eni, attraverso la sua controllata Eni Ghana, e’ operatore di Octp con una quota del 47,22%. Gli altri partner sono Vitol con il 37,77% e Gnpc con il 15%. Eni e’ presente in Ghana dal 2009. Nel paese sono state lanciate iniziative come il Programma salute, nella regione occidentale, a beneficio di una popolazione di piu’ di 300mila persone. Eni e’ presente nell’Africa Subsahariana dagli anni ’60 ed e’ operativa in progetti di esplorazione e produzione in Angola, Congo, Ghana, Gabon, Mozambico, Nigeria, Kenya, Liberia e Sudafrica. Con un’attivita’ esplorativa di successo e in rapida crescita, Eni produce attualmente nella regione circa 450.000 barili di olio equivalente al giorno. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.