TwitterFacebookGoogle+

Erdogan alla Germania: “Siete ancora nazisti”

La Turchia accusa il governo tedesco di essere ancora nazista. La gravissima accusa è stata formulata da Recep Tayyp Erdogan intervenendo in una manifestazione di donne a sostegno delle riforme costituzionali, sulle quali il paese voterà con un referendum il prossimo 16 aprile. «Il vostro modo di fare», ha detto il presidente riferendosi ai divieti opposti ai comizi di esponenti turchi in Germania, «non è diverso da quello del nazismo. Credevo che la Germania si fosse lasciata alle spalle quel passato. Mi sbagliavo».

Diverse città tedesche hanno deciso di impedire che esponenti del governo turco tengano comizio alle comunità turche in vista dell’appuntamento referendario. Gli annullamenti dei comizi hanno causato un irrigidimento delle relazioni tra Berlino e Ankara, quasi vicine alla rottura, che potrebbe essere evitata la prossima settimana in un incontro tra il cancelliere Angela Merkel e il premier turco; Binali Yldirim. L’annullamento di tre manifestazioni elettorali di ministri del governo Erdogan era stato preceduto dall’arresto del corrispondente in Turchia della Welt, Deniz Yucel, e culminate con l’accusa di «spionaggio» rivolta al giornalista dallo stesso presidente Recep Tayyip Erdogan. «Ci date lezioni di democrazie e poi non permettete che i nostri ministri parlino lì», ha detto oggi Erdogan, che ha accusato la Germania di «non rispettare la libertà di pensiero».

 

La febbre anti-turca, però, sembra aver contagiato Vienna. L’Austria ha ribadito di essere favorevole ad un «divieto generalizzato» di comizi di politici turchi e propone di sospendere i negoziati per l’ingresso di Ankara nell’Ue. In un’intervista pubblicata dal domenicale della Welt, il cancelliere Christian Kern chiede «una procedura condivisa dell’Unione europea per impedire questo tipo di manifestazioni elettorali, in modo che singoli paesi, come per esempio la Germania, non finiscano per subire da soli le pressioni della Turchia». Ma il cancelliere Kern propone a chiare lettere anche la fine delle trattative per l’ingresso della Turchia nella Ue: «Non dobbiamo solo sospendere i colloqui, dobbiamo terminarli. Non possiamo continuare a trattare con un paese che da anni si allontana passo dopo passo dagli standard democratici e dai principi dello Stato di diritto», tuona. La Turchia, aggiunge, «da tempo ha attraversato il Rubicone. Dobbiamo ridefinire i nostri rapporti con Ankara, senza quest’illusione dell’ingresso nell’Unione europea».

http://www.lastampa.it/2017/03/05/esteri/erdogan-alla-germania-siete-ancora-nazisti-ScacDr1YOx6OgGg69lwUSN/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.