TwitterFacebookGoogle+

Erdogan non esclude pena di morte, "decide Parlamento"

Ankara – Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, e’ tornato a non escludere la condanna a morte per gli autori del golpe fallito di venerdì sera ma ha chiarito che la materia è di competenza del Parlamento. Domenica Erdogan ai funerali delle vittime aveva annunciato che l’Akp, il suo partito al potere dal 2002, ne discuterà con l’opposizione. 
La Turchia aveva abolito la pena capitale nel 2004 come prerequisito per l’ingresso nell’Ue. Ora questa aspirazione, peraltro sempre meno sentita da Erdogan di cui, invece, l’Ue ha disperatamente bisogno per tenere a bada lo tsunami di profughi in fuga dalla Siria, passa in secondo piano rispetto al regolamento di conti con i protagonisti del golpe. Nella sua prima intervista dopo il fallito golpe Erdogan ha dichiarato alla Cnn che ci “troviamo di fronte ad un evidente crimine di tradimento. Ma ovviamente spettera’ al Parlamento assumere una decisione (sulla pena di morte) di valore costituzionale. Per cui i leader (dei diversi partiti) dovranno incontrarsi e discuterne. Se accetteranno di discuterne, come presidente approvero’ ogni decisione che verra’ presa in Parlamento”.
Erdogan ha anche annunciato che a breve sara’ presentata agli Usa richiesta formale di estradizione del religioso ed ex sodale dello stesso presidente turco, Fetullah Guelen: “Abbiamo un reciproco accordo per l’estradizione dei criminali e ci dovrebbe essere reciprocita’ in questo genere di cose”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.