TwitterFacebookGoogle+

Erdogan: “Potremmo reintrodurre in Turchia il reato di adulterio”

Pubblicato il20/02/2018 –

La Turchia ha «fatto un errore» ad accantonare nel 2004 un progetto di legge di reintroduzione del reato di adulterio per poter avviare i negoziati di adesione all’Unione europea. Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan, sostenendo che «adesso dovremmo valutare di introdurre alcune norme sull’adulterio e magari considerarlo insieme al tema delle molestie e ad altri temi». Secondo Erdogan, infatti, si tratta di «una questione su cui la Turchia è diversa dalla maggior parte dei Paesi occidentali».

«Questa è un’autocritica», ha aggiunto Erdogan. La proposta di legge citata da Erdogan, inserita in un pacchetto di riforme del governo dell’Akp da lui guidato, era stata ritirata nel settembre 2004 tra forti polemiche e sotto le pressioni di Bruxelles, che l’anno dopo avrebbe dato formalmente il via ai negoziati di adesione di Ankara. Il reato di adulterio era stato abolito in Turchia nel 1996, a seguito di una sentenza della Corte costituzionale.

http://www.lastampa.it/2018/02/20/esteri/erdogan-potremmo-reintrodurre-in-il-reato-di-adulterio-zL27fAh6XyrkMqdBZKvwFN/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.