TwitterFacebookGoogle+

Eredità Faac, non basta l’accordo tra diocesi e famiglia: il gip fissa l’udienza

Nonostante l’accordo transattivo tra l’arcidiocesi di Bologna e i parenti di Michelangelo Manini, che ha estinto la causa civile sull’eredità dello scomparso patron della Faac, multinazionale dei cancelli automatici di Zola Predosa (in provincia di Bologna) lasciata alla curia, non si chiude il versante penale della vicenda. Il gip Mirko Margiocco non ha infatti archiviato l’inchiesta per tentata estorsione ai danni della stessa arcidiocesi che vede indagati 4 avvocati (Alberto Gamberini, Mauro Barbieri, Maurizio Feverati e Sergio Scicchitano) e ha fissato un’udienza, il 2 dicembre, per discuterne.

La decisione è arrivata in seguito ad una memoria presentata il 26 maggio dall’economo dell’arcidiocesi, monsignor Gianluigi Nuvoli, entro i termini per un’eventuale opposizione. Letta la memoria della persona offesa del reato, il giudice ha fissato l’udienza, “ritenuto che l’archiviazione non possa allo stato essere accolta”. L’inchiesta per tentata estorsione (coordinata dal sostituto procuratore Massimiliano Rossi) riguardava presunte pressioni all’arcidiocesi da parte di emissari dei parenti dell’imprenditore che, facendo leva sulla durata decennale della causa civile, avrebbero voluto spingere la curia ad accettare un accordo. Ipotesi che la curia ha inizialmente rifiutato, presentando un esposto in Procura che aveva avviato indagini.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.