TwitterFacebookGoogle+

Esperti, 40% tumori evitabile con stile di vita sano

Roma – L’Italia investe poche risorse in campagne di prevenzione contro il cancro, eppure i progressi sulle percentuali di sopravvivenza negli ultimi decenni sono enormi, e ancora di più lo sarebbero con risorse adeguate, unite a uno stile di vita sano che da solo eviterebbe il 40% dei casi di cancro. Nel 2015 si sono registrati 363mila nuove diagnosi e le percentuali di sopravvivenza sono in costante crescita, perche’ il nostro sistema di cura funziona. Alla fine degli anni Settanta solo poco più del 30% dei pazienti sconfiggeva la malattia. Negli anni Novanta quasi il 47%, oggi il 60%. Per sostenere progetti di prevenzione e ricerca contro i tumori, la Fondazione Insieme Contro il Cancro organizza la sua prima cena di raccolti fondi, questa sera a Roma (Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotels & Resorts). Parteciperanno all’evento più di 400 invitati. “‘Insieme Contro il Cancro’ è nata nel 2013 e in questi anni ha realizzato importanti iniziative – spiega il prof. Francesco Cognetti, presidente della Fondazione – nel 2014 abbiamo promosso ‘La lotta al cancro non ha colore’, la prima campagna nazionale per la prevenzione delle neoplasie indirizzata ai cittadini più disagiati, in particolare agli immigrati che abitano nel nostro Paese. E nel 2015 abbiamo lanciato La lotta al cancro non ha età, il primo progetto nazionale di sensibilizzazione sui tumori nell’anziano. La cena di raccolta fondi rappresenta un’occasione importante per realizzare le attività della Fondazione”. Per aspettativa di vita alla nascita l’Italia si colloca al quarto posto (82,8 anni), dopo Giappone, Spagna e Svizzera e sopra la media OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico). Risultati eccellenti, soprattutto se considerati in rapporto alla spesa. Infatti la sanità costa agli italiani l’8,8% del Pil (rapporto OCSE, Health at a Glance 2015), molto meno che agli olandesi (11,1%), agli svedesi (11%), ai tedeschi (11%), ai francesi (9,4%) e la metà che ai cittadini statunitensi (16,4%). “Il 40% dei tumori può essere evitato con uno stile di vita sano – conclude il prof. Cognetti – vogliamo promuovere campagne di sensibilizzazione perché la prima arma per sconfiggere la malattia è proprio la prevenzione, che permette di risparmiare risorse e salvare milioni di vite”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.