TwitterFacebookGoogle+

Esplosione a New York, 29 feriti 

New York – Una fortissima esplosione ha sconvolto New York “intorno alle 20.30”, ora locale, nel quartiere di Chelsea, molto affollato il sabato sera, davanti al civico 131 West della 23esima strada. Il bilancio è di almeno 29 feriti, di cui uno grave, secondo quanto reso noto dalle forze dell’ordine durante una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il capo della polizia di New York, James O’Neill, il capo dei pompieri, Daniel Nigro e il sindaco Bill de Blasio che ha parlato “di atto intenzionale”, escludendo per il momento legami con il terrorismo.

La zona e’ stata isolata. Sul posto sono accorsi reparti speciali, antiterrorismo, agenti dell’Fbi e del Dipartimento per la sicurezza interna, oltre agli artificieri impegnati a disinnescare anche un secondo ordigno, sulla 27esima strada tra la sesta e la settima avenue, sempre secondo quanto riferito dalla polizia di New York.

Il presidente Barack Obama e’ stato informato, cosi’ come i due candidati alla Casa Bianca, Donald Trump e Hillary Clinton. Trump, durante un evento elettorale a Colorado Springs, in Colorado, ha dato la notizia della bomba esplosa a New York. “Nessuno sa esattamente cosa sia successo – ha detto – ma siamo in un momento in cui bisogna essere davvero duri…e’ davvero terribile quello che sta succedendo nel mondo e nel nostro Paese, saremo duri, intelligenti e vigili”. Gia’ nel pomeriggio le forze dell’ordine avevano dato notizia di una bomba esplosa in un cassonetto sul circuito di una maratona da 5 chilometri organizzata Seaside Park, in New Jersey, a favore dei marine. La corsa e’ stata poi annullata. De Blasio ha escluso collegamenti tra le due esplosioni.

E’ in gravi condizioni uno dei 29 feriti nell’esplosione a New York. Il ferito grave non e’ comunque in pericolo di vita, riferiscono le autorita’. In ospedale sono ancora ricoverati 23 feriti, mentre 6 sono stati gia’ dimessi.

La polizia di New York sta esaminando un terzo sito dopo l’esplosione che ha scosso il quartiere di Chelsea nella notte e poco dopo e’ stato trovato un altro ordigno inesploso. Lo riferisce una fonte di polizia al quotidiano britannico The Guardian.

Un “dispositivo sospetto” e’ stato trovato su posto, differente dai due punti del quartiere Chelsea. Dai video registrati dalle telecamere di sorveglianza, la polizia ha scoperto che l’ordigno che ha causato 29 feriti era stato lasciato in un cassonetto della spazzatura della 23ma strada. In uno dei filmati si vede una persona che lascia qualcosa nel cassonetto prima dell’esplosione. Il secondo ordigno rudimentale, trovato sulla 27ma strada, nella stessa zona dell’esplosione precedente, composto da una pentola a pressione da cui fuoriuscivano alcuni fili, e’ stato rimosso dagli artificieri e portato in laboratorio per le analisi del caso. Secondo la Cnn, nell’involucro che conteneva la pentola a pressione, e’ stato trovato un biglietto con delle sceritte. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.