TwitterFacebookGoogle+

Esselunga: Caprotti nel testamento, mai vendita alle Coop

Roma – L’Esselunga si può anche vendere ma mai alle Coop. Lo ha lasciato scritto nel suo testamento il fondatore Bernardo Caprotti. L’impero, che ha un fatturato di 7,3 miliardi, nelle 15 pagine delle ultime volontà, dunque viene affidato per il 70% alla moglie Giuliana Albera e alla figlia Marina Sylvia. E il restante 30% diviso in parti ugualiagli altri due figli, Violetta e Guiseppe.

 

Caprotti storico avversario delle Coop spiega nel suo testamento: “L’azienda è diventata attrattiva però è a rischio. E’ troppo pesante condurla, pesantissimo possederla. Attenzione: privata, italiana, soggetta ad attacchi può diventare coop”. Quindi una chiara indicazione su come gestire la vendita. Inoltre il patron di Esselunga ripercorre le motivazioni che lo hanno spinto a scegliere questa composizione azionaria rispetto a quella individuata nel 2012 con la guida affidata a Giuseppe e Violetta, ora diventati soci di minoranza. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.