TwitterFacebookGoogle+

Estate, boom di succhi e frullati. Ma costano cari

Roma – Con l’arrivo del caldo volano gli acquisti di frutta che fanno registrare nell’ultima settimana un aumento del 10% rispetto a quella precedente. E’ quanto afferma la Coldiretti che nel primo weekend dell’estate porta nei mercati di Campagna Amica i tutor del risparmio per aiutare i consumatori a fare acquisti consapevoli al giusto prezzo, dalla scelta giusta della frutta alle modalita’ di acquisto, dalla conservazione fino ai trucchi antispreco. Per combattere gli effetti dell’anticiclone Scipione, con il rischio di ondate di calore pericolosi soprattutto per le persone anziane e per quelle piu’ giovani e’ importante un’alimentazione con acqua e cibi rinfrescanti come frutta di stagione, ricca di potassio, calcio e ferro, indispensabili per rinvigorire l’organismo e reintegrare acqua e sali minerali persi con l’eccessiva sudorazione.

La frutta e’ un alimento che soddisfa molteplici esigenze del corpo: nutre, disseta, reintegra i sali minerali persi con il sudore, rifornisce di vitamine, mantiene in efficienza l’apparato intestinale con il suo apporto di fibre e si oppone all’azione dei radicali liberi prodotti nell’organismo dall’esposizione al sole. Sotto la spinta di stili di vita piu’ salutistici l’ortofrutta e’ diventata la prima voce di spesa del budget alimentare degli italiani e rappresenta ora il 23 per cento del totale del budget destinato dalle famiglie all’alimentazione per un importo di 99,5 euro per famiglia al mese contro i 97 euro della carne che, con una incidenza del 22 per cento sul totale, perde per la prima volta il primato.

A cambiare pero’ sono anche i criteri di scelta: secondo lo studio del Crea, Alimenti e Nutrizione, il 64% dei consumatori ritiene che la freschezza sia l’elemento principale nell’acquisto, seguito dalla stagionalita’ (51,4%) e dal prezzo conveniente (31,7%). In particolare l’aspetto e il profumo sono i fattori che indicano maggiormente al consumatore la freschezza dei prodotti ortofrutticoli, ma grande rilievo viene dato anche al luogo di acquisto come il mercato o direttamente dal produttore. Il segreto per assicurarsi la qualita’ al giusto prezzo e’ quello di tagliare le intermediazioni acquistando nei mercati all’ingrosso nei momenti di apertura per il pubblico o recandosi direttamente nelle aziende o nei mercati degli agricoltori di campagna amica. Il prodotto cosi’ acquistato oltre ad essere piu’ conveniente e genuino e’ anche piu’ fresco e in casa dura di piu’ e si spreca di meno. In tutti i punti di vendita e’ importante verificare sull’etichetta o sui cartellini l’indicazione obbligatoria della provenienza per privilegiare produzioni locali e di stagione che esprimono al meglio le proprieta’ benefiche della frutta.

Per risparmiare non vanno peraltro dimenticate le modalita’ di conservazione di prodotti altamente deperibili soprattutto con il caldo, Effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo; scegliere i frutti con il giusto grado di maturazione, prediligere, compatibilmente con le esigenze, frutti interi (esempio cocomero),evitare di lasciare troppo a lungo la frutta e verdura sotto il sole e mantenere separate le confezioni delle diverse varieta’ di frutta e verdura acquistate sono alcuni dei consigli pratici per evitare gli sprechi. Senza dimenticare pero’ che la frutta eccessivamente matura puo’ essere utilizzata per preparare delle ottime marmellate casalinghe. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.