TwitterFacebookGoogle+

Etica della responsabilita’

Da l’Amaca di MICHELE SERRA (Repubblica 15.1.14)

“”“Ma come? Legalizzano la cannabis adesso che non mi faccio più le canne?”. Il mio vecchio amico Mauro, misurando i tempi lunghi della storia, se la ride. Non corre il rischio di fare la fine (triste) di alcune femministe delle prima ora, fautrici della libertà sessuale e allegrissime sfasciafamiglie nei loro anni ruggenti e oggi, in età più matura, tutrici inflessibili della morale familiare. Se bisogna essere (continuare ad essere) antiproibizionisti anche adesso, che le canne se le fanno i ragazzini, non è soltanto per le ragioni anti-crimine ottimamente esposte su questo giornale da Roberto Saviano. È anche perché, fatti i debiti conti, la libertà merita di essere difesa a oltranza, anche a dispetto dei suoi fallimenti e delle sue vistose smagliature. Sognare che esista un rapporto direttamente proporzionale tra libertà e responsabilità, ecco l’ultima illusione che ci resta. Illusione cento volte smentita dai fatti, dallo spreco che della libertà abbiamo fatto noi adulti, dall’abuso distratto che ne fanno i nostri figli. Ma ogni volta che un ragazzo capisce per suo conto, senza che alcun bastone lo minacci, qual è il suo bene, quale la giusta misura, quell’illusione ci sembra ancora intatta. Precisa identica a quando avevamo vent’anni.””

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.