TwitterFacebookGoogle+

Evitata 'Grexit', accordo unanime Merkel, "Aiuti per 82-86 miliardi"

(AGI) – Bruxelles, 13 lug. – Riforme nei prossimi giorni, fondo di garanzia da 50 miliardi, coinvolgimento del Fondo monetario internazionale a partire dal marzo 2016, prestito ponte da 7 miliardi entro il 20 luglio e da altri 5 entro meta’ agosto: sono i punti principali dell’accordo raggiunto al termine del lungo vertice dell’Eurozona. Una volta accertata l’adozione di tali misure, le istituzioni potranno negoziare un nuovo programma di aiuti.

Su Twitter l’annuncio dell’accordo raggiunto dall’Eurosummit

Scende lo spread e brindano le borse

 

 

ENTRO 2 GIORNI. Entro il 15 luglio il Parlamento dovra’ approvare la riforma dell’Iva e quella del sistema pensionistico, oltre all’indipendenza dell’ente statistico nazionale Elstat e la piena attuazione del Fiscal compact.

Merkel: la strada sara’ lunga e difficile

ENTRO IL 22 LUGLIO. Entro questa data, dovra’ adottare il nuovo codice di procedura civile per accelerare i processi e ridurne i costi, e trasporre in legge nazionale la direttiva sulla risoluzione bancaria.

Juncker: i cittadini greci non sono stati umiliati

MISURE A LUNGO TERMINE. Piu’ a lungo termine e’ previsto l’impegno su una serie di ulteriori misure a medio termine riformando il mercato energetico e quello del lavoro e rafforzando il settore finanziario.

PRIVATIZZAZIONI. Le autorita’ greche dovranno trasferire asset per un totale di 50 miliardi a un fondo indipendente che monetizzera’ tali asset attraverso le privatizzazioni: tale monetizzazione, si legge nel documento, sara’ una fonte del rimborso programmato del nuovo prestito dell’Esm. Il fondo, come richiesto da Atene, sara’ basato in Grecia e gestito dalle autorita’ greche con la supervisione delle istituzioni.

Tsipras: accordo crea condizioni stabilita’ finanziaria

I diciannove leader hannno preso nota del fatto che le esigenze finanziarie ammontano a una cifra compresa fra 82 e 86 miliardi, come valutato dalle istituzioni. Vista la gravita’ della crisi del settore finanziario, l’Eurosummit ha stabilito di stanziare una somma compresa fra i 10 e i 25 miliardi per la ricapitalizzazione delle banche e per i costi di risoluzione: 10 miliardi potrebbero essere resi immediatamente disponibili in un conto separato all’Esm.

Renzi, rischiato ‘Grexit’ ma ora passo avanti

PRESTITO PONTE. E’ previsto un prestito ponte da 7 miliardi entro il 20 luglio e ulteriori 5 entro la meta’ di agosto. Quanto alla sostenibilita’ del debito, l’Eurogruppo e’ “pronto a considerare, se necessario, misure aggiuntive per assicurare” il rimborso del debito. Ma, si sottolinea, un taglio nominale del debito non e’ possibile.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.