TwitterFacebookGoogle+

F-16 Nato: Pinotti, ustioni 60% corpo militare italiano piu' grave

(AGI) – Roma, 27 gen. – Ha riportato ustioni sul 60% del corpo il piu’ grave dei 12 militari italiani che risultano feriti in seguito al gravissimo incidente avvenuto nel primo pomeriggio di ieri nella base aerea Nato di Albacete, in Spagna, dove un F-16 greco in fase di decollo e’ precipitato nei pressi della linea di volo. Dieci persone – i due componenti dell’equipaggio del caccia greco e 8 francesi che erano a terra – sono deceduti, mentre i feriti sono stati oltre una ventina, tra cui appunto i 12 italiani. Il piu’ grave e’ il maresciallo Giuseppe Romata, del 3ˆ Reparto manutenzione velivoli di Treviso, che ha anche una caviglia rotta. E’ quanto ha riferito il ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, in una prima informativa al Senato sull’accaduto. Gli altri 11 italiani – un pilota e 10 specialisti – sono feriti lievi, sei in osservazione presso l’ospedale di Hellin e 5, tra cui il pilota, gia’ rientrati alla base di Albacete. Il ferito grave, i cui genitori vengono puntualmente aggiornati sullo stato di salute, e’ stato trasportato all’Hospital Universitario La Paz di Madrid. Nella base di Albacete era in corso un’attivita’ di addestramento nell’ambito del programma denominato “Tactical Leadership Programme” (TLP), con schierati velivoli e personale appartenente a numerosi paesi Nato, fra cui appunto l’Italia. Pinotti ha riferito che non appena informata di quanto accaduto si e’ messa in contatto con i vertici militari per accertarsi delle condizioni di salute dei militari italiani coinvolti, “seguendo passo passo l’evoluzione della situazione”. Per quanto noto al momento, il grave incidente ha provocato un incendio sulla linea di volo, dove erano in corso le operazioni preparatorie per le missioni operative dei velivoli delle varie nazioni Nato partecipanti, con il coinvolgimento del personale a terra. Il ministro della Difesa ha anche parlato con il comandante italiano presente sull’aeroporto e quindi con il ministro della Difesa spagnolo per avere ulteriori elementi sull’accaduto e “partecipare la mia vicinanza in questa tragica circostanza. Pinotti ha ribadito la sua intenzione di far visita al personale italiano, soprattutto a quello ferito, e rappresentare il cordoglio da parte del governo italiano ai rappresentanti dei Paesi alleati che hanno subito le gravi perdite. Nell’informativa al Senato la titolare della Difesa ha aggiunto che l’Italia partecipa al corso TLP in svolgimento con un distaccamento composto da 30 militari e 2 velivoli AMX del 51ˆ stormo di Istrana dell’Aeronautica militare e con un distaccamento della Marina militare composto da 38 militari e 5 velivoli Harrier AV-8B. A causa delle condizioni in cui si trova la linea volo del TLP, transennata e non accessibile per i dovuti accertamenti, al momento non e’ possibile valutare l’entita’ dei danni agli aeromobili. “Tuttavia, osservando l’area dell’incidente, si puo’ rilevare che sicuramente uno dei velivoli AMX dell’Aeronautica e’ rimasto danneggiato dalle fiamme che si sono sviluppate a seguito dell’impatto al suolo del velivolo greco”, il che confermerebbe quindi quanto emerso ieri sera. Il Tactical Leadership Programme (TLP) e’ un programma Nato di addestramento istituito nel 1978 in base ad un accordo sottoscritto da Spagna, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Belgio, Olanda, Grecia, Germania, Danimarca e Italia, che vi aderisce dal 1996 con cellule di velivoli dei Reparti dell’Aeronautica e della Marina militare. Il TLP fornisce due tipologie di corsi: quelli esclusivamente teorici, gli Academic Courses (AC) e quelli in volo, i Flying Courses (FC). Dal 2009 il TLP si svolge in Spagna presso la base aerea di Albacete e l’obiettivo del programma e’ quello di incrementare l’efficacia delle operazioni aeree condotte dalle forze alleate e potenziare la cooperazione multinazionale nelle operazioni aeronautiche, promuovendo lo sviluppo delle abilita’ di leadership e delle capacita’ di analisi, pianificazione, esecuzione e valutazione di attivita’ aeree. Nello specifico, l’attivita’ in corso ad Albacete, prevista tra il 19 gennaio ed il 13 febbraio, rientra nell’ambito della programmazione annuale di 4 sessioni di Flying Courses (FC) previste dalla Nato per il 2015 alle quali parteciperanno assetti delle linee aerotattiche dell’Aeronautica e della Marina. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.