TwitterFacebookGoogle+

Facebook, profili in lutto ma è un bug. 'Morto' anche Zuckerberg

di Cecilia Scaldaferri

San Francisco – Un’ondata di messaggi di cordoglio è apparsa improvvisamente su due milioni di profili Facebook: celebravano il ricordo di persone che invece sono ancora in vita. Ore di angoscia per amici e parenti delle inconsapevoli vittime, che hanno poi postato messaggi e video in tempo reale per dimostrare di non aver mai lasciato questo mondo.

 

Facebook was right. I’m dead. https://t.co/FvE9M6DzpB

— Lisa Barone (@LisaBarone) 11 novembre 2016

La falsa morte ha colpito lo stesso fondatore della rete social, Mark Zuckerberg, sul cui profilo è apparso un messaggio standard in sua memoria. Si è trattato di un “terribile errore” del sistema, durato poco e che “abbiamo ormai risolto”, ha fatto sapere Fb, scusandosi per l’inconveniente. 

“Dannazione, ho dovuto usare Facebook Live per dimostrare come ero Facebook Dead”, ha scritto Danny Sullivan su Twitter, giocando sui termini ‘vivo’ e ‘morto’. E c’è addirittura chi ha ironizzato sulle elezioni presidenziali, parlando delle “persone che sono morte dentro” con la vittoria del repubblicano Donald Trump.

 

Zuck dead pic.twitter.com/J8y5LbfQBz

— Steve Kovach (@stevekovach) 11 novembre 2016

 

Il messaggio in memoria dei defunti contiene link che permettono di modificare i profili in modo da diventare dei memoriali una volta deceduti i proprietari. I più smaliziati si sono quindi chiesti se non si sia trattato di un test promozionale della funzione messo in atto dalla società, invece che un problema tecnico. 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.