TwitterFacebookGoogle+

Falkland: giudice argentino 'sequestra' beni italiana Edison

(AGI) – Buenos Aires, 28 giu. – Con un’iniziativa del tutto simbolica, perche’ priva di effetti pratici, un giudice argentino ha disposto il sequestro dei beni di 5 societa’ petrolifere straniere, tra cui l’italiana Edison International spa, impegnate nelle prospezioni a largo delle isole britanniche Falkland, che Buenos Aires rivendica e per cui ha combattuto, e perso, nel 1982 una guerra contro Londra. La mossa, tesa ad alimentare la retorica nazionalista in vista delle elezioni di ottobre, non e’ effettivamente applicabile visto che nessuna delle societa’ coinvolte, inclusa Edison, non risulta avere asset in Argentina. In ogni caso il giudice federale Lilian Herraez della regione della Terra del Fuoco ha disposto il sequestro di beni per 156 milioni di dollari di navi ed altre proprieta’ delle 5 societa’ alla ricerca di petrolio nelle Falkland. Oltre Edison le altre sono le britanniche Premier Oil Plc , Falkland Oil and Gas Ltd, Rockhopper Exploration Plc e la statunitense Noble Energy Inc (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.