TwitterFacebookGoogle+

Fan Radiohead protestano a Istanbul, polizia li carica

Istanbul – Nel mirino di Recep Tayyp Erdgan sono entrati anche i fan dei Radiohead, colpevoli di aver protestato contro un’aggressione di estremisti islamici a un evento organizato durante il Ramadan in occasione del lancio dell’ultimo album della band inglese. Venerdì sera una ventina di islamisti hanno fatto irruzione con spranghe e bastoni nel negozio di dischi Velvet IndieGround a Istanbul, per protesta contro il party di presentazione dell’album “A Moon Shaped Pool”, a loro dire blasfemo. L’indomani 500 pesone si sono radunate nel quartiere di Cihangir al grido di “Uniti contro il fascismo” e “Erdogan assassino” e sono state disperse dalle cariche della polizia, intervenuta con i gas lacrimogeni come fa da tempo contro i raduni di piazza non organizzati. Qualche ora dopo l’attacco al negozio di dischi Radiohead, la cui casa discografica presentava il nuovo album in diversi negozi di dischi in tutto il mondo, i Radiohead hanno deplorato l’attacco con un comunicato: “Speriamo che un giorno saremo grado di lasciarci alle spalle questi atti di intolleranza violenta”.

La Turchia da mesi è lacerata da proteste politiche soffocate da una repressione spesso brutale: da una parte monta la rivolta contro il governo dell’Akp di Erdogan, accusato di violare i diritti umani e di islamizzare la società tradizionalmente laica, dall’altra il presidente e i suoi sostenitori soffocano ogni dissenso. (AGI) 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.