TwitterFacebookGoogle+

Femminicidio. Diminuiscono i reati contro le donne e crescono le denunce

Femminicidio. Diminuiscono i reati contro le donne e crescono le denunceCalano del 5,2% gli omicidi delle donne e il 10,5% i reati di stalking nel 20014: i dati illustrati dal ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

-Redazione- Calano i femminicidi: dall’entrata in vigore, un anno fa, della apposita legge; il numero delle vittime è sceso da 152, del periodo 14 agosto 2012 – 31 luglio 2013, a 144 (-5,2%) nello stesso periodo 2013-2014.
E’ invece del 3,8% la diminuzione degli omicidi di donne in ambito familiare. 

Lo ha reso noto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, sottolineando che i “dati positivi” non significano però che lo Stato abbia abbassato la guardia.

Il ministro ha poi sottolineato che a cinque anni dall’entrata in vigore del decreto legge n. 11 del 2009 che disciplina lo stalking, le denuncia per tale reato, sono state oltre 51 mila, Il 77,7% delle vittime è di sesso femminile. Oltre il 90% delle persone denunciate o arrestate era già stata segnalata per il reato.

C’è anche un identikit dello stalker è generalmente un uomo di 40 anni italiano, disoccupato o a basso reddito, mentre le vittime hanno un’età media di 38 anni. Tra i due nella parte dei casi c’è una relazione sentimentale e in un terzo dei casi ci sono dei figli. Il trend delle denunce è in crescita: più 20% per le segnalazioni di stalking negli ultimi due anni, ma nel solo 2013 arriva al 25% e nei primi sette mesi del 2014 cresce ancora del 2%. Nel 70% dei casi riguardano le donne. 

Alfano ha poi sottolineato come sono in diminuzione anche altri reati: la violenza sessuale ad esempio scende del 7% e in generale calano gli omicidi del 13,8%.

-8 agosto 2014-

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.