TwitterFacebookGoogle+

Fermato scafista a Pozzallo, sentiti i superstiti

Ragusa – Uno scafista in manette a Pozzallo, nel ragusano. La polizia di Stato ha fermato l’uomo con l’accusa di aver condotto in Italia 117 migranti e di essere responsabile della morte, come conseguenza del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, di 18 persone cadute in mare durante la traversata. Tra i testimoni ascoltati anche la madre di bambino di 3 anni scomparso tra le onde caduto in acqua con un giubbotto salvagente troppo grande per lui. I testimoni hanno riferito che mentre tutti si aiutavano l’un con l’altro quando un tubolare del gommone si e’ sgonfiato, lo scafista ha preso un bidone di plastica per usarlo come galleggiante e si è gettato in acqua in attesa dei soccorsi. Intanto al centro di prima accoglienza oltre ai nuovi migranti, ci sono ancora 135 minori non accompagnati, alcuni sono arrivati i primi giorni di agosto e che non trovano una sistemazione perche’ i centri di ‘seconda’ accoglienza per minori sono saturi. Per loro ad ogni nuovo sbarco, dolore e speranza che si rinnovano. (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.