TwitterFacebookGoogle+

Festival Film Cattolico: al via settima edizione "cinema strumento per evangelizzare"

Roma – Ha inizio oggi a Roma la settima edizione del Festival Internazionale del Film Cattolico (Mirabile Dictu),la manifestazione ideata dalla regista e produttrice Liana Marabini per dare spazio ai produttori e ai registi di film, documentari, docufiction, serie tv, cortometraggi e programmi che promuovono valori morali universali e modelli positivi. Nato nel 2010 sotto l’Alto Patronato del Pontificio Consiglio della Cultura, il Festival si svolge da oggi al 23 giugno e conta quattro categorie in concorso (miglior film, miglior documentario, miglior cortometraggio, miglior regista),ai vincitori delle quali andra’ in premio il prestigioso Pesce d’Argento, ispirato al primo simbolo cristiano. Il Premio alla Carriera sara’ quest’anno attribuito al produttore televisivo italiano Bibi Ballandi. Le proiezioni hanno luogo fino a mercoledi’ presso Palazzo Cesi, in via della Conciliazione, mentre la cerimonia di premiazione, condotta dal giornalista Armando Torno, si svolgera’ nella sera del 23 giugno presso il Palazzo della Cancelleria. “Quest’anno il numero di film ricevuti e’ davvero impressionante: piu’ di 1.000 – spiega la presidente del Festival Liana Marabini -. Qualche anno fa, i film con soggetto cattolico erano davvero pochi: ci piace pensare che il nostro Festival abbia contribuito in qualche modo a dare speranza e coraggio a quanti si impegnano nella realizzazione di questo tipo di prodotto. Nell’industria del cinema non e’ facile, eppure negli ultimi anni assistiamo ad una produzione sempre crescente di film a soggetto biblico in generale e cattolico in particolare”.

La regista, che ha appena finito di girare ‘Mothers’, film con Christopher Lambert e Remo Girone sul dramma delle donne i cui figli sono partiti per unirsi all’Isis, spiega che “dobbiamo evangelizzare con tutti i mezzi a nostra disposizione e il film e’ un buon strumento: arriva in tutte le case ed e’ compreso da tutti, anche da coloro che non amano leggere”. In concorso le seguenti terne. Miglior cortometraggio: ‘The Confession’ di Johnn La Raw (Corea del Sud),‘La bellezza nell’amore di Dio’ di Carlo De Biase (Italia),‘On the border of hell’ di Angeles Conde Mir (Spagna).Miglior documentario: ‘Il Vangelo secondo Maria’ di Luca Trovellesi Cesana (Italia),‘A life is never wasted’ di Krzysztof Tadej (Polonia),‘I trust in you’ di Aleksas Matvejevas (Lituania). Miglior regista: ‘Lampedusa’ di Peter Schreiner (Austria),‘Infernet’ di Giuseppe Ferlito (Italia),‘The Stalingrad Madonna’ di Nick Goryachkin (Russia). Miglior film: ‘Poveda’ di Pablo Moreno (Spagna),prodotto da Andre’s Garrigo’ (Goya Producciones),‘Infernet’ di Giuseppe Ferlito (Italia),prodotto da Michele Cali’ e Federica Andreoli (AC Produccion),‘I trust in you’ di Aleksas Matvejevas (Lituania),prodotto da Vilniaus Medija. La giuria, che premiera’ i vincitori il 23 giugno, e’ presieduta dalla principessa Maria Pia Ruspoli, attrice, ed e’ composta da: monsignor Franco Perazzolo, del Pontificio Consiglio della Cultura, dal distributore e produttore austriaco professor Norbert Blecha (che e’ anche vice presidente della giuria),da Miche’le Navadic, direttore programmazione RTBF (Belgio),e dalla produttrice Oriana Mariotti. .

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.