TwitterFacebookGoogle+

Feto di 3 mesi in biancheria sporca. Orrore all'ospedale di Olbia

 Olbia – Macabra scoperta, stamani, in una lavanderia industriale di Olbia: un feto è stato trovato tra la biancheria sporca in arrivo dall’ospedale di Nuoro. L’episodio si è verificato alla Clea, azienda di proprietà dell’industriale Gianni Iervolino che ha in appalto il servizio per l’Asl nuorese. A trovare il feto, di circa tre mesi, è stata un’operaia della Clea che ha subito chiamato il 113. Sul posto sono giusti gli agenti del Commissariato di Olbia e il magistrato di turno per gli accertamenti del caso.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.