TwitterFacebookGoogle+

Finge sequestro, Lapo Elkann arrestato a New York

New York – Lapo Elkann, rampollo di casa Fiat, ha finto di essere stato sequestrato a New York con l’obiettivo di ottenere 10.000 dollari dalla famiglia: è accusato di falsa denuncia. Come riportano i media Usa, citando fonti della polizia, il 39enne nipote di Gianni Agnelli, patriarca della Fiat, scrive il Daily Beast, “è volato in città giovedì e si è subito messo in contatto on line con una escort di 29 anni” con il quale avrebbe fatto baldoria per due giorni “consumando alcol, marijuana e cocaina” fino a finire i soldi.

Il riscatto da 10mila dollari per il finto sequestro

Avrebbe così deciso di simulare il suo sequestro, raccontando ai familiari di essere trattenuto contro la sua volontà da una donna che gli avrebbe fatto del male se non avessero pagato un riscatto di 10.000 dollari. La famiglia ha informato la polizia che, sempre stando al Daily Beast, lo avrebbe incastrato attirandolo domenica scorsa nel luogo dove avrebbe dovuto ritirare i soldi e dove si è presentato con il suo accompagnatore, una transgender secondo il New York Daily News.

Arrestato, è accusato di falsa denuncia

Lapo Elkann è stato interrogato e poi rilasciato con un ordine di comparizione davanti al giudice mentre per l’escort il caso è stato chiuso. Per l’erede di Gianni Agnelli non è il primo scandalo. Nel 2005 finì in coma farmacologico per un’overdose da sostanze stupefacenti, dopo una notte in compagnia di un transessuale in un appartamento a Torino.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.