TwitterFacebookGoogle+

Fiumi di marijuana dall'Albania alla Sicilia, 15 arresti

(AGI) – Catania, 17 set. – Fiumi di droga dall’Albania per rifornire gruppi criminali e mafiosi catanesi. Sono quindici le persone arrestate in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Catania: italiani e albanesi accusati di traffico internazionale di stupefacenti. L’indagine, denominata “Odissea” e condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria delle Guardia di finanza su delega della Dda etnea, ha preso le mosse dall’operazione “Reset” che nel 2013 ha smantellato il “gruppo della stazione”, con l’arresto di 24 persone per associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, rapina, usura, armi e droga. I finanzieri hanno individuato ulteriori gruppi dediti al traffico illecito di marijuana in tutta la Sicilia orientale, con in comune i fornitori. Le indagini hanno permesso di accertare l’esistenza di due organizzazioni criminali, composte per lo piu’ da albanesi, che, pur domiciliati stabilmente in Italia, riuscivano a garantire, grazie a costanti contatti con propri connazionali, la fornitura di ingenti quantitativi di marijuana. Il primo dei gruppi criminali ha base nel Lazio, il secondo e’ attivo tra le province di Catania e Ragusa. I carichi di stupefacenti dall’Albania erano per lo piu’ diretti a due organizzazioni criminali catanesi e, in particolare, al “gruppo della stazione” e al clan capeggiato da Paolo Di Mauro, esponente di spicco della famiglia mafiosa “Pillera”, deceduto nell’aprile 2014. L’indagine – avviata nel 2012 sotto la direzione della locale Dda – ha gia’ portato all’arresto, in flagranza di reato, di 19 trafficanti nonche’ al sequestro di oltre 3.500 chili di marijuana, del valore di 70 milioni di euro. Delle 15 misure cautelari, tre dispongono gli arresti domiciliari): dieci soggetti sono organici ai due gruppi criminali italo-albanesi responsabili dell’importazione dello stupefacente dall’Albania; due sono legati al “gruppo della stazione”, i restanti tre a Di Mauro. Gli arrestati sono Giancarlo Galatello, 51 anni, Oresti Mufali, albanese, 33 anni, Gabriele Soagnoli, romano, 40 anni, Domenico Bottino, catanese, 50 anni, Albert Shqau, albanese, 31 anni, Erion Mucaj, albanese, 34 anni, Emir Baja, albanese, 46 anni, Jodian Shametaj, albanese, 25 anni, Emiliano Shametaj, albanese, 28 anni, Gentian Hoxhaj, albanese, 35 anni, Fatjion Hoxhai, 28 anni, Erson Zuka, albanese, 31 anni. Ai domiciliari, con braccialetto elettronico Maria Grazia Pastura, catanese, 44 anni, Francesco Gatto, catanese, 50 anni e Salvatore Franco, catanese, 36 anni. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.