TwitterFacebookGoogle+

Fiumicino: al Terminal 3 diossina 30 volte il limite

(AGI) – Roma, 30 giu. – Le concentrazioni di diossina nell’aria al gate D dell’aeoroporto di Fiumicino “sono secondo i nostri campionamenti 30 volte superiori al limite previsto dall’Organizzazione Mondiale della Sanita’ per una popolazione normalmente non esposta”. Lo ha detto Loredana Musmeci, direttore del Dipartimento Ambiente dell’Istituto Superiore di Sanita’, nel corso di un’audizione al Senato davanti alla commissione d’inchiesta sugli infortuni sul lavoro “in ordine ai profili di sicurezza e salubrita’ degli ambienti di lavoro connessi al recente incendio sviluppatosi all’aeroporto Leonardo da Vinci di Roma”.

“All’interno del Terminal 3 (quello colpito dall’incendio, ndr) abbiamo registrato concentrazioni di diossina fino a 3.000 femtogrammi, mentre all’esterno dello stesso Terminal 3 i nostri campionamenti danno valori tra 20 e 50 femtogrammi”, ha precisato Musmeci, sottolineando che “la differenza tra noi, l’Arpa, il Cnr e l’Asl da una parte e Adr dall’altra e’ che prendiamo come parametri di riferimento dei valori diversi: Adr prende i valori limite di soglia, o Tlv, che sono previsti per i lavoratori delle industrie, quindi per una popolazione specifica, consapevolmente esposta, e in questo caso tali valori sono 100mila femtogrammi di diossina, mentre noi prendiamo come riferimento i limiti dell’Oms, validi per il resto della popolazione, e che hanno come limite massimo 100 femtogrammi”.

“E’ quindi evidente che per l’Enac sia tutto ok – ha proseguito la dirigente dell’Iss – ma per noi non e’ cosi’. Anche se non raggiungiamo il limite dei 100 femtogrammi, dobbiamo almeno avere un trend negativo”. Ad ogni modo, ha aggiunto Musmeci, “le misure di prevenzione prese per i lavoratori (mascherina, orari di lavoro) possono ad oggi essere considerate idonee, soprattutto per quanto concerne le ore di esposizione, che sono 4, che rappresentano un margine di rischio accettabile. Anche se e’ ovvio che questa situazione non puo’ durare a lungo altrimenti i rischi aumentano”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.