TwitterFacebookGoogle+

Fiumicino: blackout dopo i roghi; Enac convoca Adr e Alitalia

(AGI) – Roma, 30 lug. – Ancora disagi all’aeroporto di Fiumicino. Dopo gli incendi, ultimo quello di ieri, probabilmente di natura dolosa, nella pineta vicina allo scalo romano, per un black out e’ mancata la corrente elettrica, con disagi per i viaggiatori. La corrente e’ tornata prima al terminal 2 e al terminal 3 e successivamente anche al terminal 1. L’interruzione di energia elettrica si e’ prodotta a causa di un corto circuito presso una cabina di media tensione di Porto. Secondo Adr, comunque, “si sono registrati pochi disagi, in quanto molte attivita’ operative hanno continuato a funzionare anche durante il black out”. Il guasto si e’ inserito in una situazione che gia’ risentiva delle problematicita’ del rogo boschivo di mercoledi’ pomeriggio. Ancora in mattinata si sono registrati “gravi ritardi”, con conseguenze per i passeggeri. L’Enac ha reso noto di aver convocato per il giorno 6 agosto gli accountable manager di Aeroporti di Roma, societa’ che ha la gestione totale degli scali romani, e di Alitalia, il vettore principale che opera su Roma Fiumicino, per verificare la rispondenza delle azioni poste in essere dopo l’incendio e ribadire obblighi e competenze normativamente individuati a carico delle due figure che sono responsabili, sotto profili ben specificati, sia della sicurezza, sia dell’operativita’ dell’aeroporto. Il Codacons offre assistenza legale “a quei passeggeri che, a causa dello stop alle partenze a Fiumicino, abbiano subito un danno specie sul fronte delle vacanze, considerando che proprio in questo periodo si registra il maggior numero di spostamenti per le destinazioni vacanziere”. Il presidente dell’associazione, Carlo Rienzi, spiega che “migliaia di cittadini in partenza per le vacanze estive non sono riusciti a raggiungere la propria destinazione, perdendo i soldi degli alberghi gia’ pagati, ore di villeggiatura, coincidenze con altri aerei, subendo un danno morale e materiale non indifferente. Il rimborso del biglietto e la riprotezione su altri voli non e’ sufficiente”. Sono in corso nella pineta nei pressi dell’aeroporto di Fiumicinio le attivita’ scientifiche della Forestale per la “repertazione con il metodo delle evidenze fisiche, si sta procedendo alla ricerca delle tracce lasciate da eventuali acceleranti. I labili segni che gli incendi lasciano sul territorio devono essere letti e decodificati dai Reparti specializzati e posti in relazione con le testimonianze, secondo le consuete procedure stabilite dai protocolli della polizia giudiziaria che deve riferire alla magistratura. Circa l’esistenza di circostanze che possano condurre all’ipotesi dei tre luoghi di innesco, esse sono al momento al vaglio degli investigatori della Forestale”. Il presidio, anche notturno, esercitato dalle pattuglie di controllo del territorio della Forestale non rileva ulteriori riprese di fuochi, ma l’allerta e’ massima in ragione del potenziale pericolo che potrebbe scaturire dalle alte temperature di questo periodo e dal vento. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.