TwitterFacebookGoogle+

Fiumicino, disagi senza fineDopo i roghi, blackout nello scalo

(AGI) – Roma, 30 lug. – Ancora disagi all’aeroporto di Fiumicino. Dopo gli incendi, ultimo quello di ieri, probabilmente di natura dolosa, nella pineta vicina allo scalo romano, per un black out e’ mancata la corrente elettrica, con disagi per i viaggiatori. La corrente e’ tornata prima al terminal 2 e al terminal 3 e successivamente anche al terminal 1. L’interruzione di energia elettrica si e’ prodotta a causa di un corto circuito presso una cabina di media tensione di Porto. Secondo Adr, comunque, “si sono registrati pochi disagi, in quanto molte attivita’ operative hanno continuato a funzionare anche durante il black out”.

Black out a Fiumicino: disagi per chi vola, proteste e urla dei passeggeri
 VIDEO 1 2

Il guasto si e’ inserito in una situazione che gia’ risentiva delle problematicita’ del rogo boschivo di mercoledi’ pomeriggio. Ancora in mattinata si sono registrati “gravi ritardi”, con conseguenze per i passeggeri. Una certezza e ancora un dubbio sull’incendio di ieri pomeriggio nella pineta Coccia di Morto, a Fiumicino, che ha mandato in tilt il traffico aereo. La certezza e’ che il rogo e’ partito da un cumulo di rifiuti; il dubbio riguarda il dolo o meno nell’innesco delle fiamme che poi il vento ha provveduto ad alimentare. E saranno le ulteriori indagini a chiarire questo dubbio.

Ieri un incendio ha bloccato il traffico per ore

 

Ryanair: se Alitalia lascia Fiumicino prenderemo il suo posto

E’ quanto emerso dall’incontro che si e’ tenuto oggi presso la Procura della Repubblica di Civitavecchia tra il procuratore Capo Gianfranco Amendola e il capo del Corpo forestale dello Stato, Cesare Patrone, accompagnato dal comandante regionale per il Lazio e dal comandante provinciale di Roma. I rilievi hanno permesso di accertare che l’insorgenza del rogo e’ unica, in via del Pesce Luna, bordo strada, in un’area fortemente degradata e disseminata da numerosi cumuli di rifiuti abbandonati, sia di natura domestica che industriale. Le fiamme, trasportate dal forte vento, hanno rapidamente percorso prima gli arbusti della macchia mediterranea limitrofa, per poi interessare la vicina pineta raggiunta in piu’ punti da faville incandescenti prodotte dagli arbusti e dalle canne di ‘Arundo donax’ distaccatesi per effetto ‘spotting’, che hanno poi dato origine a diversi focolai all’interno della pineta. E questo spiega perche’ fossero almeno tre i focolai diversi individuati gia’ ieri pomeriggio. Verosimilmente, il vento ha determinato la rapida propagazione delle fiamme. Circa la natura dolosa o colposa dell’incendio bisognera’ attendere l’esito degli ulteriori accertamenti. L’Enac ha reso noto di aver convocato per il giorno 6 agosto gli accountable manager di Aeroporti di Roma, societa’ che ha la gestione totale degli scali romani, e di Alitalia, il vettore principale che opera su Roma Fiumicino. Il Codacons offre assistenza legale “a quei passeggeri che, a causa dello stop alle partenze a Fiumicino, abbiano subito un danno specie sul fronte delle vacanze, considerando che proprio in questo periodo si registra il maggior numero di spostamenti per le destinazioni vacanziere”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.