TwitterFacebookGoogle+

Fmi, banche Paesi avanzati ora "piu sicure"

Washington – “Negli ultimi anni le banche dei Paesi avanzati sono diventate piu’ sicure, con capitali e riserve finanziarie piu’ forti e grazie ai progressi nel ripianare i bilanci”. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale nel Global Financial Stability Report, sottolineando tuttavia le persistenti pressioni sul sistema bancario, sulla loro reddittività alla luce del debole contesto economico. “Circa il 15% delle banche nelle economie avanzate – dice l’Fmi – ha di fronte sfide importanti per raggiungere una reddittività sostenibile in assenza di riforme”.

Il Fondo suggerisce agli Stati Uniti “di aumentare gli sforzi per ridurre il predominio di Fannie Mae e Freddie Mac”, al centro della crisi dei mutui nel 2008. Nel Gfsr viene inoltre segnalato il ruolo del settore assicurativo, soprattutto nel ramo vita, nell’accrescere i rischi sistemici, “sebbene non ancora a livello di quello bancario”. Nel caso di shock, “è improbabile per le assicurazioni riuscire a rispettare il loro ruolo di intermediari finanziari”, affermano gli economisti di Washington sollecitando una maggiore “supervisione e regolamentazione”, anche con stress test e l’accantonamento di riserve finanziarie anticicliche. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.